Grunewald (Berlino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima foresta berlinese che dà nome al quartiere, vedi Grunewald (foresta).
Grunewald
Stato Germania Germania
Città Berlino
Distretto Charlottenburg-Wilmersdorf
Data istituzione 1920
Codice 0404
Superficie 22,3 km²
Abitanti 10 014 ab. (30-6-2008)
Densità 449,06 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 52°29′N 13°16′E / 52.483333°N 13.266667°E52.483333; 13.266667

Grunewald è un quartiere (Ortsteil) di Berlino, appartenente al distretto (Bezirk) di Charlottenburg-Wilmersdorf.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º aprile 1912 modificò il nome in Berlin-Grunewald.[senza fonte]

Già comune autonomo, venne annessa nel 1920 alla "Grande Berlino", venendo assegnata al distretto di Wilmersdorf[1]. Nel 2001 passò al nuovo distretto di Charlottenburg-Wilmersdorf.[senza fonte]

Abitanti illustri[modifica | modifica wikitesto]

Tra i personaggi illustri che hanno abitato a Grunewald va ricordato il fisico Max Planck. Il 15 febbraio 1944, durante un bombardamento alleato su Berlino, Grunewald venne letteralmente raso al suolo e con esso la casa di Planck. Tutti i documenti appartenenti allo scienziato, oltre alla sua corrispondenza personale, andarono distrutti nell'esplosione. Tra l'altro, alla fine di quello stesso anno, il suo amato figlio Erwin, con cui aveva fatto la solitaria passeggiata nella foresta di Grunewald nel primo momento entusiasmante della sua scoperta (si veda a questo proposito la teoria quantistica), venne arrestato dalla Gestapo per il ruolo avuto nel fallito attentato a Hitler. Suo padre cercò con ogni mezzo di salvargli la vita, ma invano.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gesetz über die Bildung einer neuen Stadtgemeinde Berlin (Groß-Berlin-Gesetz) vom 27. April 1920, verfassungen.de.
  2. ^ Arthur Zajonc, Dalla candela ai quanti, p. 254, Red edizioni, 1999

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Berliner Wohnquartiere. Ein Führer durch 70 Siedlungen, Reimer Verlag, Berlino 2003, pp. 50–53.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4087315-8
Germania Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania