Gran Premio d'Italia 1937

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Italia Gran Premio d'Italia 1937
Gara 5 di 5 del Campionato 1937
Circuit-montenero-1937.png
Data 12 settembre 1937
Nome ufficiale XV Gran Premio d'Italia
Luogo Circuito di Montenero
Percorso 7,218 km / 4,485 US mi
Stradale
Distanza 50 giri, 360,9 km/ 224,25 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Rudolf Caracciola Germania Rudolf Caracciola
Mercedes-Benz in 3'11"0 Germania Hermann Lang
Mercedes-Benz in 3'11"2
(nel giro 33)
Podio
1. Germania Rudolf Caracciola
Mercedes-Benz
2. Germania Hermann Lang
Mercedes-Benz
3. Germania Bernd Rosemeyer
Auto Union


Hermann Lang durante il Gran Premio chiuso al secondo posto.

Il Gran Premio d'Italia 1937 è stata la quinta ed ultima prova della stagione 1937 del Campionato europeo di automobilismo. La gara si è corsa il 12 settembre 1937 sul Circuito di Montenero a Livorno, ed è stata vinta dal tedesco Rudolf Caracciola su Mercedes-Benz, al suo nono successo in carriera; Caracciola ha preceduto all'arrivo il suo compagno di squadra connazionale Hermann Lang e il connazionale Bernd Rosemeyer su Auto Union.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta dal 1921 il Gran Premio d'Italia non si svolse sul tradizionale circuito di Monza ma si trasferì sul circuito di Montenero nei pressi di Livorno, sede abituale della Coppa Ciano, dove Tazio Nuvolari guidò l'ultima volta la sua Alfa Romeo nel 1936 poté per sconfiggere la superiorità delle Frecce d'argento tedesche.

Nuvolari, che, dopo la breve e non particolarmente fortunata trasferta al campo dell'Auto Union in occasione del Gran Premio di Svizzera, era tornato un po' disilluso tra le braccia della Scuderia Ferrari, rappresentante ufficiale dell'Alfa Romeo, ma dovette, come il suo compagno di squadra Carlo Felice Trossi, Nino Farina e Clemente Biondetti, continuare ad accontentarsi della stessa Alfa Romeo 12C-36 con la quale aveva ottenuto il successo dell'anno precedente. Il nuovo modello Alfa Romeo 12C-37, che dopo il disastroso debutto alla gara di Pescaraè stato subito ritirato dalle corse, ma qui a Livorno è stato guidato solo dal massimo collaudatore dell'Alfa Romeo Giovanni Battista Guidotti, che ha dovuto parcheggiare la vettura per un difetto tecnico poco prima di metà gara.

I team tedeschi non furono però molto colpiti dal cambio di location: Achille Varzi, di fatto ritiratosi dall'Auto Union alla fine dello scorso anno per uso di droghe e altre scappatelle, si era riferito alla squadra come guarito e prontamente con l'Unione automatica "Tipo C"[1].

Elenco iscritti[modifica | modifica wikitesto]

Scuderia Costruttore Telaio Motore Gomme Piloti
Germania Daimler-Benz AG Mercedes-Benz Mercedes-Benz W125 Mercedes-Benz M 125 F 5.7L I8 Compressore C 2 Germania Rudolf Caracciola
4 Germania Manfred von Brauchitsch
6 Germania Hermann Lang
8 Regno Unito Richard Seaman
10 Svizzera Christian Kautz
Germania Auto Union AG Auto Union Auto Union C Auto Union 6.0L V16 Compressore C 12 Germania Bernd Rosemeyer
14 Italia Achille Varzi
16 Germania Hans Stuck[2]
18 Germania Hermann Paul Müller
Germania Rudolf Hasse[3]
Italia Vittorio Belmondo Alfa Romeo Alfa Romeo 8C-35 Alfa Romeo 3.8L I8 Compressore 20 Italia Vittorio Belmondo
Italia Scuderia Ferrari Alfa Romeo Alfa Romeo 12C-36 Alfa Romeo 4.1L V12 Compressore E 22 Italia Tazio Nuvolari[4][5]
24 Italia Giuseppe "Nino" Farina[6]
26 Italia Conte Carlo Felice Trossi
28 Italia Clemente Biondetti
28 Italia Marchese Antonio Brivio
Italia Alfa Corse Alfa Romeo Alfa Romeo 12C-37 Alfa Romeo 4.1L V12 Compressore P 30 Italia Giovanni Battista Guidotti
Svizzera Hans Ruesch Alfa Romeo Alfa Romeo 8C-35 Alfa Romeo 3.8L I8 Compressore 32 Svizzera Hans Ruesch[7]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Caracciola, che nella classifica del Campionato Europeo era ancora a due punti dal compagno di squadra Manfred von Brauchitsch, fece subito segnare il più veloce con la sua Mercedes-Benz W125, la più potente macchina da corsa del suo tempo tempo di allenamento, che significava anche la migliore posizione di partenza. Secondo è Varzi con la Auto Union mentre terzo è il compagno di squadra Rosemeyer che chiude la prima fila. La seconda fila è stata tutta occupata anche dai piloti Silver Arrow con Hermann Lang (Mercedes), Hans Stuck (Auto Union) e Manfred von Brauchitsch, prima infine Nuvolari come miglior pilota Alfa Romeo insieme alla Mercedes Junior Richard Seaman e Carlo Felice Trossi schierati sulla seconda Alfa Romeo in terza fila della griglia.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[8] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 2 Germania Rudolf Caracciola Germania Mercedes-Benz 3'11"0 1
2 14 Italia Achille Varzi Germania Auto Union 3'13"6 2
3 12 Germania Bernd Rosemeyer Germania Auto Union 3'14"2 3
4 6 Germania Hermann Lang Germania Mercedes-Benz 3'15"6 4
5 16 Germania Hans Stuck Germania Auto Union 3'17"4 5
6 4 Germania Manfred von Brauchitsch Germania Mercedes-Benz 3'18"6 6
7 22 Italia Tazio Nuvolari Italia Alfa Romeo 3'20"8 7
8 8 Regno Unito Richard Seaman Germania Mercedes-Benz 3'21"6 8
9 26 Italia Carlo Felice Trossi Italia Alfa Romeo 3'22"2 9
10 18 Germania Hermann Paul Müller Germania Auto Union 3'22"4 10
11 30 Italia Giovanni Battista Guidotti Italia Alfa Romeo 3'24"2 11
12 24 Italia Giuseppe "Nino" Farina Italia Alfa Romeo 3'24"4 12
13 28 Italia Clemente Biondetti Italia Alfa Romeo 3'24"6 13
14 32 Svizzera Christian Kautz Germania Mercedes-Benz 3'29"0 14
15 20 Italia Vittorio Belmondo Italia Alfa Romeo 3'40"0 15

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La partenza è stata ritardata due volte, prima a causa di un'invasione di spettatori in pista e poi quando l'ambulanza ha dovuto prelevare uno spettatore, caduto da un albero. Quando la bandiera finalmente è stata abbassata Rudolf Caracciola ha preso il comando seguito da Lang, Rosemeyer, von Brauchitsch e Varzi. Nuvolari ha superato Varzi per il quinto posto per la gioia degli spettatori e al quarto giro Lang ha attaccato e superato Caracciola per prendere il comando. Nella loro lotta interna il duo Mercedes ha iniziato ad allontanarsi dal resto del campo.

Dopo l'iniziale buona partenza Nuvolari stava arretrando dovendo far passare Varzi. Poi si è sviluppata una dura lotta per il sesto posto tra Müller, Seaman e Nuvolari con le vetture che si sono scambiate di posto fino a quando Nuvolari si è arreso e ha consegnato la sua Alfa a Farina che aveva ritirato la propria vettura. La lotta per il comando è proseguita con entrambi i piloti Mercedes che hanno battuto il record sul giro fino a quando Lang ha dovuto fare un pitstop quando una ruota ha perso il battistrada, al 23º giro, durante il quale il team ha impiegato un tempo vistosamente lungo. Il team manager Neubauer non è rimasto colpito dalla lotta interna e ha fatto conoscere le sue sensazioni durante i pitstop.

Seaman ha perso del tempo durante il suo pitstop perché la sua macchina si è rifiutata di ripartire, ma quando è finalmente tornato ha fatto una gara stimolante, superando Varzi e Müller per il quarto posto. Von Brauchitsch, quarto nella prima parte della gara, si era ritirato. In testa Caracciola, che ora era in testa, e Lang hanno continuato la loro lotta. Lang è stato più veloce ma sulla pista stretta non gli è stato possibile passare perché Caracciola ha bloccato con fermezza ogni tentativo. Alla fine le due Mercedes hanno portato quasi il tricolore a fianco di Caracciola come vincitore. Lang è secondo e Rosemeyer terzo dopo non aver saputo seguire il ritmo delle Mercedes. Varzi è arrivato sesto in uno stato di collasso e ha dovuto essere aiutato a uscire dalla sua Auto Union. Hasse, che aveva rilevato l'auto di Stuck dopo che quest'ultimo aveva rinunciato alla gara, è arrivato 9°. Dopo la gara Stuck è stato licenziato da Auto Union.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Risultati finali della gara.[8]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 2 Germania Rudolf Caracciola Germania Mercedes-Benz 50 2h44'54"4 1 1
2 6 Germania Hermann Lang Germania Mercedes-Benz 50 +0"4 4 2
3 12 Germania Bernd Rosemeyer Germania Auto Union 50 +2'25"4 3 3
4 8 Regno Unito Richard Seaman Germania Mercedes-Benz 49 +1 giro 8 4
5 18 Germania Hermann Paul Müller Germania Auto Union 49 +1 giro 10 4
6 14 Italia Achille Varzi Germania Auto Union 49 +1 giro 2 4
7 22 Italia Tazio Nuvolari
Italia Giuseppe "Nino" Farina
Italia Alfa Romeo 49 +1 giro 7 4
n/a
8 26 Italia Carlo Felice Trossi Italia Alfa Romeo 47 +3 giri 9 4
9 16 Germania Hans Stuck
Germania Rudolf Hasse
Germania Auto Union 47 +3 giri 5 4
n/a
10 20 Italia Vittorio Belmondo Italia Alfa Romeo 45 +5 giri 15 4
Rit 10 Svizzera Christian Kautz Germania Mercedes-Benz 43 14 4
Rit 28 Italia Clemente Biondetti Italia Alfa Romeo 38 13 4
Rit 4 Germania Manfred von Brauchitsch Germania Mercedes-Benz 36 Meccanico 6 5
Rit 30 Italia Giovanni Battista Guidotti Italia Alfa Romeo 24 Meccanico 11 6
Rit 24 Italia Giuseppe "Nino" Farina Italia Alfa Romeo 13 Meccanico 12 6
NP 28 Italia Antonio Brivio Italia Alfa Romeo 0 - 8
NP Germania Rudolf Hasse Germania Auto Union 0 Pilota di riserva - 8

Classifica europea piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Punti
1 Germania Rudolf Caracciola 13
2 Germania Manfred von Brauchitsch 15
3 Germania Hermann Lang 19
= Svizzera Christian Kautz 19
5 Germania Hans Stuck 20
6 Francia Raymond Sommer 27
7 Germania Rudolf Hasse 28
= Germania Bernd Rosemeyer 28
= Italia Tazio Nuvolari 28
= Italia Giuseppe "Nino" Farina 28
11 Ungheria László Hartmann 29
12 Svizzera Hans Rüesch 31
13 Italia Vittorio Belmondo 32
14 Germania Hermann Paul Müller 33
15 Regno Unito Richard Seaman 34
= Italia Clemente Biondetti 34
17 Italia Luigi Soffietti 35
= Italia Carlo Felice Trossi 35
= Germania Paul Pietsch 35
20 Regno Unito Kenneth Evans 36
= Ungheria Ernő Festetics 36
= Italia Attilio Marinoni 36
= Italia Giovanni Minozzi 36
= Italia Goffredo Zehender 36
= Italia Carlo Maria Pintacuda 36
= Italia Luigi Fagioli 36
= Italia Achille Varzi 36
28 Svizzera Henri Simonet 37
= Svizzera Adolfo Mandirola 37
30 Italia Franco Cortese 38
= Germania Ernst von Delius 38
= Italia Giovanni Battista Guidotti 38
33 Italia Francesco Severi 39
= Italia Renato Balestrero 39
= Italia Edoardo Teagno 39
= Italia Antonio Brivio 39
= Svizzera Max Christen 39

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ la designazione del tipo delle auto da corsa Auto-Union è stata introdotta solo successiva da autorità specializzate per distinguere tra i singoli modelli.
  2. ^ Sostituito da Rudolf Hasse durante la gara.
  3. ^ Ha sostituito Hans Stuck durante la gara.
  4. ^ Sostituito da Nino Farina durante la gara.
  5. ^ Inizialmente Nuvolari avrebbe dovuto competere con la nuova Tipo 12C-37, ma ha optato per il modello più vecchio a causa dei deludenti test drive.
  6. ^ Partito inizialmente da solo, sostituirà Nuvolari durante la gara.
  7. ^ Non arrivato.
  8. ^ a b (EN) XV Gran Premio d'Italia, su kolumbus.fi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo