Giuseppe Garrassini Garbarino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Garrassini Garbarino
Giuseppegarassinigarbarino.jpg
Il tenente di vascello Giuseppe Garrassini Garbarino
NascitaLoano, 8 gennaio 1885
MortePola, 11 febbraio 1917
Cause della mortecaduto in combattimento
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegia Marina
CorpoServizio Aeronautico
RepartoBenedetto Brin
Amalfi
Volturno
San Marco
Elba
Anni di servizio1905- 1917
GradoTenente di vascello
GuerreGuerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Comandante diStazione idrovolanti di Venezia
Decorazionivedi qui
Studi militariRegia Accademia Navale di Livorno
dati tratti da Grande Enciclopedia Aeronautica[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Giuseppe Garrassini Garbarino (Loano, 8 gennaio 1885Pola, 11 febbraio 1917) è stato un aviatore e militare italiano, pioniere dell’aviazione militare italiana, fu decorato di Medaglia d’oro al valor militare alla memoria durante la prima guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nella cittadina costiera di Loano l’8 gennaio 1895,[1] da famiglia di nobile di antiche tradizioni,[1] suo padre l’ingegnere Francesco fu Sindaco della città e sua madre, Fanny De Amicis, era cugina di Edmondo De Amicis famoso autore del libro Cuore e di monsignor Giacomo De Amicis, vescovo ausiliario di Genova. Terminati gli studi di Liceo, a partire dal 17 agosto 1902 iniziò a frequentare l'Regia Accademia Navale di Livorno da cui uscì con il grado di guardiamarina il 1 dicembre 1905. Prestato giuramento, il giorno 16 dicembre viene imbarcato sulla nave da battaglia Benedetto Brin, passando poi sull’incrociatore protetto Vesuvio con cui compì un lungo ciclo di navigazione verso l'estremo oriente. Imbarcatosi in successione sulle Regie Navi Amalfi, Volturno, San Marco ed Elba, da 4 maggio 1907 andò in missione a Chin-Kinag, Cina, venendo promosso sottotenente di vascello il 24 maggio 1908, e rientrando in Italia nel giugno 1909. Appassionatosi al mondo dell’aviazione, entrò in forza al Battaglione aviatori[2] il 28 agosto 1910,[1] e conseguì il brevetto di pilota sul campo d’aviazione di Centocelle il 22 dicembre dello stesso anno,[3] e quello di pilota militare il 1 maggio 1912.

Nel corso del 1912 partì per combattere in Libia, assegnato il 13 marzo alla 4ª Squadriglia di stanza a Tobruk,[2] rimanendovi fino al 1 agosto dello stesso anno, quando decorato di Medaglia d’argento al valor militare, rientrò in Patria. Inviato in Francia per studiarne l’organizzazione militare degli idrovolanti della marina,[4] conseguì il brevetto di pilota d’idrovolante a San Juan-le-Pins nell’agosto 1912.[5] Nel 1913 frequentò il Corso superiore di guerra a Livorno, e poi si imbarcò sull'Elba come pilota d’idrovolante da ricognizione nel corso del 1914. Ripresosi dai postumi di un incidente aereo avvenuto il 30 dicembre 1914, all’inizio del 1915 fu mandato all'Aeroporto di Ferrara-San Luca per organizzare una nuova squadriglia dotata di velivoli Caproni, che tuttavia non arrivarono mai, ed incominciò a volare sui dirigibili. Rimase a Ferrara per poco tempo, in quanto il comando della marina lo trasferì[6] il 17 luglio alla Squadriglia idrovolanti di Venezia[7] per i collaudi dei nuovi idrovolanti Paulhan-Curtiss.[8]

Prima Guerra Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della guerra condusse più volte idrovolanti in missione di bombardamento su obiettivi militari nemici, fu comandante della squadriglia nella quale Gabriele D'Annunzio volò come osservatore, entrambi protagonisti di un memorabile volo su Trieste in data 16 settembre 1916.[9] Nel settembre 1916 aveva, infatti, assunto il comando dell’idroscalo di Venezia, distinguendosi già il 13 dello stesso mese quando guidò un’incursione di 12 velivoli su Parenzo.[10]

L'amicizia con D'Annunzio[modifica | modifica wikitesto]

Il Garrassini e D'Annunzio, forti di una reciproca e indistruttibile fiducia, condivisero una amicizia profonda e duratura. In una lettera al Garrassini il poeta chiedeva un appuntamento "per sottoporre alla sua approvazione il volo al di là che vorrà dire redenzione": era la realizzazione e la preparazione del Volo su Vienna, purtroppo la lettera, scritta in data 11 febbraio 1917,[1] rimase senza risposta, infatti lo stesso giorno, a seguito di uno scontro aereo nei cieli di Parenzo in rientro da Pola, il Garrassini veniva colpito ed ucciso da una raffica di mitragliatrice nemica, mentre volava con l’osservatore guardiamarina Agostino Brunetta.[1] L'amicizia fra D'Annunzio e Garrassini fu profonda e duratura, resa più vibrante e vitale da reciproca ed indistruttibile fiducia.

I funerali[modifica | modifica wikitesto]

I funerali si svolsero il 14 febbraio, a Venezia; la città tributò solenni onoranze al suo difensore: autorità, compagni d'arme, amici, popolo e, primo fra tutti, Gabriele D'Annunzio che, in una lettera scritta a persona amica, definì il Garrassini mio buon compagno…. al quale scrivevo una lettera in cui si parlava ….. della necessità di un gran volo ….. Il poeta ne parla con sincero dolore e rimpianto anche nel Notturno con semplicità e ammirazione.

La città di Loano ha intitolato a suo nome il lungomare della cittadina, mentre quella di Genova una piazza. Nel primo dopoguerra gli fu intitolata la Stazione Idrovolanti della Regia Marina di Pola.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Nelle officine, tecnico esperto, rese preziosi servizi all’aviazione istruendo nuovi piloti. Sui dirigibili prima, poi capo squadriglia e comandante di stazione aerea, spiegò mirabili qualità di organizzatore. In varie azioni di guerra con esemplare ardimento condusse numerose squadriglie a bombardare i muniti obbiettivi militari nemici, finché, sprezzante di ogni pericolo, fulminato nell’aria da mitragliera nemica, orgoglioso e sereno, dette alla Patria in olocausto la vita, lasciando di sè esempio fecondo di nuovi ardimenti. Cielo di Pola, 11 febbraio 1917.[1]»
— Decreto Luogotenenziale 10 giugno 1917[11]
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Pilota di un aeroplano, compiva utili ricognizioni sul campo nemico noncurante dei pericoli derivanti dallo strumento ancora imperfetto, dalle condizioni atmosferiche spesso precarie e dalle offese nemiche. Tobruk, aprile-luglio 1912.[10]»
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
— R.D. 18 marzo 1917[12]
Medaglia interalleata della Vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia interalleata della Vittoria
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915-1918 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915-1918
Medaglia commemorativa della guerra italo-turca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-turca
Medaglia commemorativa della campagna in Cina - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della campagna in Cina

Onorificenze estere[modifica | modifica wikitesto]

Croix de Guerre 1914-1918 con palma di bronzo - nastrino per uniforme ordinaria Croix de Guerre 1914-1918 con palma di bronzo
— 1917
Military Cross (Gran Bretagna) - nastrino per uniforme ordinaria Military Cross (Gran Bretagna)
— 1917

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Mancini 1936, p.295.
  2. ^ a b Cobianchi 1943, p.235.
  3. ^ Cobianchi 1943, p.431.
  4. ^ Antonellini 2008, p.16.
  5. ^ Cobianchi 1943, p.380.
  6. ^ Antonellini 2008, p.140.
  7. ^ Fraschetti 1986, p.30.
  8. ^ Comunicazione del Capo di Stato Maggiore V reparto con n° di protocollo 17938 del 15 luglio 1915.
  9. ^ Ludovico 1980, p.19.
  10. ^ a b Martino 2017, p.166.
  11. ^ F.O. Marina n. 160 del 12 giugno 1917.
  12. ^ F.O. Marina n. 77 del 18 marzo 1917.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Antonellini, Salvat ubi lucet - La base idrovolanti di Porto Corsini e i suoi uomini, Faenza, Casanova Editore, 2008, ISBN 88-95323-15-7.
  • Mario Cobianchi, Pionieri dell'Aviazione in Italia, Roma, Editoriale Aeronautico, 1951.
  • Alessandro Fraschetti, La prima organizzazione dell'Aeronautica Militare in Italia 1884-1925, Roma, Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare, 1986.
  • Domenico Ludovico, Gli aviatori italiani del bombardamento nella guerra 1915-1918, Roma, Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare, 1980.
  • Luigi Mancini (a cura di), Grande Enciclopedia Aeronautica, Milano, Edizioni Aeronautica, 1936.
  • Antonio Martino, I Caduti della provincia di Savona nella Grande Guerra (1915-1918), Martino Editore, 2017, ISBN 1-32688-168-X.
  • Manlio Molfese, L'aviazione da ricognizione italiana durante la grande guerra europea (maggio 1915-novembre-1918), Roma, Provveditorato generale dello Stato, 1925.
  • Giuseppe Pesce, I dirigibili italiani, Modena, Mucchi Editore, 1982.
  • Marco Pizzo, Repertori del Museo Centrale del Risorgimento, Fotografie del Risorgimento Italiano, Roma, Gangemi Editore, 2004, ISBN 978-8-84920-603-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]