Giuseppe Fiocco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Fiocco (Giacciano, 16 novembre 1884Padova, 5 ottobre 1971) è stato uno storico dell'arte italiano.

Laureatosi in legge a Roma nel 1904, Fiocco conseguì in seguito una seconda laurea in lettere all'Università di Bologna con una tesi in Storia dell'Arte sotto la guida di Iginio Benvenuto Supino. Tornato a Roma, si perfezionò alla scuola di specializzazione di storia dell'arte dell'Università di Roma, diretta da Adolfo Venturi. Dopo numerosi viaggi in Austria, Svizzera e Germania e un tirocinio alla Soprintendenza di Venezia, ottenne nel 1926 la cattedra di Storia dell'arte all'Università di Pisa, per trasferirsi poi nello stesso anno a Firenze. Nel 1929 fu chiamato a Padova. Nel 1947 fu chiamato a presiedere il comitato direttivo della rivista Arte Veneta; successivamente fu accolto nell'Accademia dei Lincei ed in numerose altre accademie italiane. Nel 1954 fu nominato direttore dell'Istituto di Storia dell'Arte della Fondazione Giorgio Cini a Venezia, facendone un punto cardine di ricerca sull'arte veneta. Notevolissimi i suoi scritti sulle più grandi figure dell'arte veneta, ma anche la riscoperta di artisti meno conosciuti, come Francesco Vecellio, Pietro Marescalchi, il Pordenone.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29839498 · LCCN: (ENn79040003 · SBN: IT\ICCU\RAVV\014604 · ISNI: (EN0000 0001 0884 0432 · GND: (DE123673674 · BNF: (FRcb15520638g (data) · BAV: ADV10111073