Giorgio Zanchini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Zanchini, a sinistra, intervista Massimo Bordin

Giorgio Zanchini (Roma, 30 gennaio 1967[1]) è un giornalista, conduttore radiofonico e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Giurisprudenza all'Università della Sapienza di Roma, si è specializzato in giornalismo e comunicazioni di massa alla Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli (Luiss) di Roma. Nel dicembre 1996 entra alla Rai per concorso. Ha lavorato al Giornale Radio Rai, a Radio 1, dal 2010 al 2014 a Radio 3, dal 2014 nuovamente a Radio 1. Ha condotto "Il baco del millennio", "Radio anch'io" (nella quale è rientrato alla conduzione il 30 giugno 2014), e fino al 24 maggio 2014 "Tutta la città ne parla", su Radio 3. Conduce la trasmissione Quante storie su Rai Tre, stagione 2019-2020, trasmissione condotta nelle tre stagioni precedenti da Corrado Augias. In precedenza ha condotto un talk show sulla spiritualità, "Il cielo e la terra", sempre su Rai 3, e una puntata sulla lettura su Rai 5. Si occupa in particolare di giornalismo radiofonico, giornalismo culturale e giornalismo anglosassone. Tiene lezioni e seminari sul giornalismo in diverse Università e Master. Con Lella Mazzoli è il direttore del Festival del giornalismo culturale. È vicedirettore della rivista I diritti dell'Uomo, cronache e battaglie. Fa parte del comitato scientifico de Problemi dell'Informazione.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • La cultura orizzontale (con Giovanni Solimine), Laterza, 2020
  • Sotto il radioso dominio di Dio, Marsilio, 2020
  • Cielo e Soldi. Il giornalismo culturale tra pratica e teoria, Aras, 2019
  • La radio nella rete, Donzelli, 2017
  • Leggere, cosa e come. Il giornalismo e l'informazione culturale nell'era della rete, Donzelli, 2016
  • Infocult (a cura di, con Lella Mazzoli), Franco Angeli, 2015
  • Un millimetro in là. Intervista sulla cultura a Marino Sinibaldi (a cura di), Laterza 2014
  • Il giornalismo culturale, Carocci, 2013
  • Utopie (a cura di, con Lella Mazzoli), Codice, 2012
  • Quale cultura per quale mercato, Editoriale scientifica italiana, 2006
  • Teledemocrazia. Sudditi o cittadini?, Società aperta, 1996

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019: Premio Orsello per il giornalismo radiofonico
  • 2018: Premio "Sentinella del Creato" di Greenaccord
  • 2016: Premio città di Latiano
  • 2015: Premio "Il golfo"
  • 2008: Premio Saint Vincent
  • 2007: Premio Braille

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14274209 · ISNI (EN0000 0000 8358 7556 · LCCN (ENnb2001068604 · GND (DE140025235 · BNF (FRcb162198347 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nb2001068604