Giorgio Bernini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Bernini
Giorgio Bernini 1994.jpg

Ministro del commercio con l'estero
Durata mandato 10 maggio 1994 –
17 gennaio 1995
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Paolo Baratta
Successore Alberto Clò

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
FI
Coalizione Polo delle Libertà
Collegio Umbria
Incarichi parlamentari
  • membro della VI commissione finanze (25 maggio 1994 - 2 febbraio 1995)
  • membro della X commissione attività produttive (2 febbraio 1995 - 8 maggio 1996)
  • membro della commissione speciale per il riordino del settore radiotelevisivo (24 marzo 1995 - 8 maggio 1996)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università di Bologna
Professione Docente universitario, avvocato

Giorgio Bernini (Bologna, 9 novembre 1928Bologna, 22 ottobre 2020[1]) è stato un giurista, accademico e politico italiano, attivo nell'ambito degli arbitrati internazionali e del diritto della concorrenza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bologna nel 1928 e laureato in giurisprudenza nel 1950, avvocato dal 1951 e cassazionista dal 1965, è stato professore universitario a Ferrara (1964 - 1966) e Padova (1966 - 1970) per poi continuare la sua attività accademica soprattutto con atenei stranieri.

Ha collaborato spesso con l'ONU: fu membro della commissione del diritto sugli scambi internazionali (1969 - 1972) e dell'organizzazione non-governativa delle Nazioni Unite (1986 - 1994), di cui era presidente onorario.

Eletto deputato nella Circoscrizione Umbria alla Camera dei deputati nel 1994 nelle liste di Forza Italia con la coalizione del Polo delle Libertà, fu Ministro del commercio con l'estero nel primo governo Berlusconi. A partire dal 1996 si allontanò dalla politica.

Nel 1999 si dimise dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (cosiddetto Antitrust) per poter tornare a svolgere la professione di avvocato privatamente. Nel 2001 venne nominato presidente della Rete Ferroviaria Italiana[2] e vicepresidente della Confindustria del Lazio.[3]

Bernini è stato anche autore di diversi libri e articoli di giurisprudenza, la maggior parte riguardanti l'arbitrato internazionale, infatti è rimasto molto attivo in tale ambito come uno degli arbitri italiani più conosciuti all'estero.

È morto a Bologna all’età di 91 anni la notte del 22 ottobre 2020.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Era il padre di Anna Maria Bernini, anche lei diventata nel 2011 Ministro di un governo di centrodestra, il Governo Berlusconi IV, circa diciassette anni dopo che Bernini partecipò all'esperienza del Governo Berlusconi I nel 1994-95.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro del commercio con l'estero Successore Emblem of Italy.svg
Paolo Baratta 10 maggio 1994 - 17 gennaio 1995
Governo Berlusconi I
Alberto Clò
Controllo di autoritàVIAF (EN69011893 · ISNI (EN0000 0000 2758 8239 · SBN IT\ICCU\RAVV\007371 · LCCN (ENn85011790 · BNF (FRcb12386378t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85011790