Giant Magellan Telescope

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giant Magellan Telescope
Giant Magellan Telescope - artist's concept.jpg
Giant Magellan Telescope
OsservatorioOsservatorio di Las Campanas
EnteGMT Consortium
StatoCile Cile
Coordinate29°01′41.99″S 70°41′08.99″W / 29.02833°S 70.68583°W-29.02833; -70.68583Coordinate: 29°01′41.99″S 70°41′08.99″W / 29.02833°S 70.68583°W-29.02833; -70.68583
Altitudine2 516[1][2] m s.l.m.
Costruito nelAttende il finanziamento. Previsto 2019
Prima luce nelIgnoto
Caratteristiche tecniche
TipoTelescopio gregoriano
Lunghezza d'onda320–25000 nm[3]
Diametro primario25,448 m[4]
Risoluzione angolare0,21–0,3″a 500 nm[3]
Area368[4] m2
Distanza focale18,00 m (M1)
202,745 m (M1+M2)[4]
Montaturaaltazimutale
Sito ufficiale

Il Giant Magellan Telescope (GMT) è un telescopio di elevate prestazioni in fase di costruzione, la cui ultimazione è prevista entro il 2025.[5]

Sarà costituito da sette telescopi riflettori di 8,4 metri di diametro, installati presso l'Osservatorio di Las Campanas, in Cile.
Il nome è stato scelto per analogia coi due Telescopi Magellano già operativi a Las Campanas.

Il primo specchio, realizzato presso l'Osservatorio Steward, in Arizona, è stato ultimato in autunno 2012[6] e dislocato in un sito temporaneo in attesa del trasporto a Las Campas a settembre 2017[7]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Giant Magellan Telescope sarà costituito da un insieme di sette telescopi gregoriani, sei dei quali disposti ad esagono e uno al centro, con un diametro esterno complessivo di 25,4 metri.

I sette specchi primari saranno disposti "fuori asse", cioè essi non saranno radialmente simmetrici. Le superfici riflettenti avranno però una particolare curvatura che permetterà che l'immagine complessiva risulti "in asse". Il progetto prevede che uno dei sette specchi possa essere rimosso ogni qualche anno, per permettere il rifacimento della superficie riflettente, senza pregiudicare l'operatività del telescopio.

Il telescopio potrà operare sia nell'ottico che nell'infrarosso e si prevede potrà ottenere, grazie anche all'uso di sofisticate ottiche adattive, una risoluzione di 0,2-0,3 arc sec ad una lunghezza d'onda di 500 nm.[8]

Ciascuno dei sette specchi primari, costruito in vetro borosilicato, avrà un peso di 20 tonnellate, particolarmente basso date le sue grandi dimensioni. Per confronto, anche lo specchio del Telescopio Hale di 5 metri di diametro dell'Osservatorio di Monte Palomar pesa 20 tonnellate, pur avendo una superficie di poco più di un terzo (25 m² contro 70,5 m²).

La struttura esterna ospitante il telescopio sarà alta 60 metri.

Enti partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Al 2009, partecipano alla realizzazione del progetto i seguenti enti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ José Terán U., Daniel H. Neff e Matt Johns, Conceptual design study of the GMT enclosure, in SPIE 6267: Symposium on Astronomical Telescopes and Instrumentation (PDF), Orlando, FL, SPIE, 29 maggio 2006, p. 2. URL consultato il 31 marzo 2008.
  2. ^ Joanna Thomas-Osip, The Seeing and Turbulence Profile at Las Campanas Observatory: GMT Site Testing Progress Report, in Syposium on Seeing (PDF), Kona, HI, AAS, 20 marzo 2007, p. 3. URL consultato il 31 marzo 2008.
  3. ^ a b Giant Magellan Telescope Science Requirements (PDF), GMT Consortium. URL consultato il 31 marzo 2008.
  4. ^ a b c Chapter 6: Optics, in GMT Conceptual Design Report (PDF), GMT Consortium, pp. 6–3. URL consultato il 2 aprile 2008.
  5. ^ BBC: Magellan super-scope gets green light for construction, su bbc.com. URL consultato il 3 luglio 2016.
  6. ^ (EN) University of Arizona (a cura di), World’s Most Advanced Mirror for Giant Telescope Completed, su uanews.arizona.edu. URL consultato il 25 settembre 2017.
  7. ^ (EN) First giant mirror segment starts journey south, su gmto.org, 25 settembre 2017.
  8. ^ (EN) GMT Science Requirements

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica