Gianfranco Bettin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianfranco Bettin

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XV
Gruppo
parlamentare
Federazione dei Verdi
Circoscrizione Veneto, VII (Veneto 1)
Collegio Venezia-Treviso (1992)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Verdi
Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Professione sociologo, insegnante

Gianfranco Bettin (Marghera, 21 giugno 1955) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 è eletto consigliere regionale del Veneto per la Federazione dei Verdi in Provincia di Venezia. È stato allo stesso tempo candidato Sindaco di Venezia per la sinistra radicale sostenuto da Rifondazione Comunista e Federazione dei Verdi ottenendo il 16,5% e arrivando terzo senza accedere al ballottaggio tra Paolo Costa del centrosinistra e Renato Brunetta del centrodestra.

Alle elezioni politiche del 2006 viene eletto deputato della XV legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione VII Veneto per la Federazione dei Verdi.

Politica veneziana[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 si candida alle Primarie del centrosinistra per la scelta del candidato Sindaco di Venezia sostenuto dai Verdi e da SEL classificandosi con il 35,57% al secondo posto superato dal candidato appoggiato dal PD il professor Giorgio Orsoni al 46% (al terzo si piazza l'ex deputata e sottosegretaria di stato e assessore comunale Laura Fincato al 18,62% sostenuta dai Socialisti). È Assessore all'Ambiente del Comune di Venezia nella Giunta Orsoni fino al 2014. Nel 2015 si candida presidente della Municipalità di Marghera per il centrosinistra, e viene eletto grazie a 4.416 voti pari al 38,46%[1]..

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per consultare i risultati completi si rimanda alla sezione apposita del sito del Comune di Venezia. Url consultato il 16 luglio 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5009971 · ISNI (EN0000 0001 2118 6922 · SBN IT\ICCU\CFIV\093976 · BNF (FRcb12369337j (data)