Giacomo Sciarra Colonna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando dei personaggi omonimi vedi Giacomo Colonna e Sciarra Colonna
Giacomo "Sciarra" Colonna nella serie gioviana

Giacomo Colonna, detto Sciarra (Venezia, 2 marzo 1270Venezia, 2 marzo 1329), membro della famiglia Colonna, era fratello del cardinale Pietro Colonna e di Stefano il Vecchio, entrambi nipoti di Giacomo.

Giacomo "Sciarra" Colonna sequestra il papa Bonifacio VIII

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu il padre di Pietro detto "Sciarretta". I Colonna furono acerrimi nemici dei Caetani, di cui faceva parte Papa Bonifacio VIII. Sciarra con l'aiuto di Guglielmo di Nogaret sequestrò il papa e lo tenne prigioniero presso la residenza papale, nell'episodio passato alla storia come "l'oltraggio di Anagni", durante il quale Sciarra Colonna avrebbe addirittura schiaffeggiato il pontefice con uno dei propri guanti di ferro.

Filippo il bello si alleò con Sciarra Colonna ed egli partì da Ceccano con 300 cavalieri alla volta di Anagni, dove il papa si era ritirato presso alcuni suoi possedimenti terrieri. Si dice che questi in un primo momento volesse fingersi morto, ma che alla fine l'orgoglio prevalse e non si abbassò a tali meschinità, ma anzi accolse i suoi avversari sul trono papale con le insegne spiegate. Alcuni documenti storici ci dicono che, trovatolo, i suoi nemici lo schernirono e lo derisero.

L'origine del soprannome del Colonna deriva dall'omonima parola che nel volgare dell'epoca significava "litigioso, attaccabrighe". L'uso è rimasto pressoché invariato in alcuni dialetti del sud (siciliano, calabrese, pugliese) in cui "sciarra" vuol dire "screzio" ed il verbo "sciarriare" "litigare, discutere con violenza".

Fratello minore di Agapito e Stefano il Vecchio, Sciarra Colonna ebbe un ruolo importante nell'incoronazione di Ludovico il Bavaro[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Il primo imperatore che si fa incoronare a Roma non dal Pontefice ma da un laico, e per di più da quello Sciarra Colonna che era stato uno dei responsabili dello schiaffo di Anagni, l'oltraggio alla Chiesa che, con la sua carica simbolica, aveva posto fine - secondo molti storici - al Medioevo propriamente detto": MASSIMO INTROVIGNE, Contro "Il nome della rosa", Cristianità n. 142 (1987).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN278259531