Pietro Colonna (cardinale XIII secolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Colonna
cardinale di Santa Romana Chiesa
Stemma Cardinalizzio dei Colonna.PNG
Stemma Cardinalizzio dei Colonna.PNG
Incarichi ricoperti Cardinale diacono di Sant'Eustachio
Arciprete della Basilica di San Giovanni in Laterano
Arciprete della Basilica Liberiana
Nato 1260 a Roma
Creato cardinale 16 maggio 1288 da papa Niccolò IV
Deceduto 14 agosto 1326 ad Avignone

Pietro Colonna (Roma, 1260Avignone, 14 agosto 1326) è stato un cardinale italiano della Chiesa cattolica, nominato da papa Niccolò IV il 16 maggio 1288.

Era figlio di Giovanni e di una delle contesse dell'Anguillara, e fratello di Giacomo, detto "Sciarra", e di Stefano, "il Vecchio", nipoti del cardinale Giacomo Colonna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu elevato al rango di cardinale della Chiesa cattolica da papa Niccolò IV il 16 maggio 1288, assumendo il titolo di diacono di Sant'Eustachio che tenne sino al 10 maggio 1297 quando venne deposto da papa Bonifacio VIII, appartenente alla famiglia dei Caetani, e rivale dei Colonna, in seguito alla dichiarata nullità che Pietro, suo zio Giacomo e gli Spirituali Francescani, con il "manifesto di Lunghezza" fecero sulla sua elezione papale. La reazione di Bonifacio VIII non si fece attendere i due cardinali furono destituiti e in una bolla definiti "dannata stirpe e del loro dannato sangue" e costretti a trovare rifugio presso la corte di Filippo IV di Francia detto "il Bello" anch'egli in cattivi rapporti con il papato. Si susseguirono il cosiddetto oltraggio di Anagni cui segui poco dopo la morte di Bonifacio VIII, e lo spostamento della sede papale ad Avignone, in Francia. Qui Pietro Colonna fu reinstaurato il 2 febbraio 1306 da papa Clemente V e il 7 dicembre 1307 assunse il titolo cardinalizio di Sant'Angelo in Pescheria.[1]

Morì ad Avignone il 14 agosto del 1326 e la sua salma venne inumata nella Basilica Liberiana.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo periodo di cardinalato Pietro Colonna partecipò ai conclavi:[2]

Mancò invece ai conclavi:[2]

essendo stato deposto da papa Bonifacio VIII e non ancora titolare dei diritti elettivi nonostante la riabilitazione ricevuta da papa Benedetto XI.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il sito The Cardinals of the Holy Roman Church-Brancaccio dà come titolare di Sant'Angelo in Pescheria il cardinale Landolfo Brancaccio dal 1294 al 1312
  2. ^ a b The Cardinals of the Holy Roman Church-Colonna

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42650056 · ISNI (EN0000 0000 1193 1602 · GND (DE119511622 · BAV ADV11479327