Giacomo Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacomo Amato

Giacomo Amato (Palermo, 14 maggio 1643Palermo, 26 dicembre 1732) è stato un architetto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente all'ordine dei Crociferi, Amato si formò giovanissimo a Roma con Carlo Rainaldi. A Roma collaborò anche alla costruzione della Chiesa della Maddalena. Tornato in patria, importò, nella chiese palermitane di Santa Maria della Pietà e Santa Teresa alla Kalsa gli insegnamenti del maestro e quelli derivati dallo studio delle opere di Carlo Fontana.

Fu allievo di Paolo Amato.[1]

La facciata di Santa Teresa è particolarmente significativa in tal senso: due ordini scanditi da elementi verticali (paraste, semicolonne, colonne libere) la cui plasticità aumenta progressivamente in corrispondenza dell'asse centrale, una grande finestra al centro del secondo ordine, un tondo con un bassorilievo, circondato da putti, sopra il portale (elemento ripreso da San Marcello al Corso).

Da ricordare, tra i suoi progetti per chiese e oratori, alcuni lavori in collaborazione con Giacomo Serpotta e la sua numerosa famiglia di stuccatori, come l'Oratorio di San Lorenzo e l'Oratorio del Rosario di San Domenico.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Progetti e bozzetti per la realizzazione delle strutture/decorazioni in marmo policromo nella Chiesa di Santa Caterina (Palermo) e nella Chiesa dell'Immacolata Concezione (Palermo).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Amato Scheda biografica del comune di Palermo. URL consultato il 9 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Biagi. G. Amato e la sua posizione nell'architettura palermitana in L'Arte, 1939
  • M. S. Tusa. I disegni romani di Giacomo Amato, in Il disegno d'architettura, 1, 1990, pp. 43–44.
  • M. S. Tusa. Architettura barocca a Palermo. Prospetti chiesastici di Giacomo Amato architetto. Siracusa, Arnaldo Lombardi editore, 1992.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN18025911 · LCCN: (ENnr94001667 · ISNI: (EN0000 0001 1561 3414 · GND: (DE119177471 · ULAN: (EN500022005 · CERL: cnp00549267