Filippo Andrea V Doria Pamphili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Filippo Andrea V Doria-Pamphili-Landi
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Filippo Andrea V Doria-Pamphili-Landi
Luogo nascita Roma
Data nascita 29 settembre 1813
Luogo morte Roma
Data morte 19 marzo 1876
Legislatura XI
Filippo Andrea V Doria Pamphili

Assessore facente funzioni di Sindaco di Roma
Durata mandato 21 dicembre 1870 –
marzo 1871
Predecessore Giuseppe Lunati
Successore Giovanni Angelini

Filippo Andrea V Doria-Pamphili-Landi (Roma, 29 settembre 1813Roma, 19 marzo 1876) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Principe di Melfi, del Sacro Romano Impero, duca e marchese, sposò Maria Alathea Talbot con cui ebbe sei figli: Teresa (che sposò il duca Emilio Massimo), Giovanni Andrea, Alfonso, Guendalina (che sposò il conte Gian Luca Cavazzi della Somaglia) e Olimpia (che sposò il principe Fabrizio Colonna Avella). Era figlio del principe Luigi Giovanni Andrea (1779 - 1838) e di Teresa Orsini di Gravina (1788 - 1829, fondatrice dell'ordine religioso delle Suore Ospedaliere della Misericordia, già dichiarata "Serva di Dio"; è attualmente in corso il processo per la sua beatificazione)[1][2].

Ministro delle armi dello Stato pontificio, tra il 4 maggio e il 22 luglio del 1848, come assessore comunale di Roma per la polizia urbana, guardie municipali, vigili, guardia nazionale[3], tra il dicembre 1870 e il marzo 1871, guidò Roma in qualità di facente funzione di Sindaco.

Nel dicembre del 1870 venne nominato Senatore del Regno come appartenente alla categoria 21 dello Statuto Albertino[4].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Roma Successore Roma-Stemma.png
Giuseppe Lunati 21 dicembre 1870 - marzo 1871 Giovanni Angelini