Femke Halsema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Femke Halsema
Burgemeester Halsema-daphnechannahorn (cropped).jpg

Sindaco di Amsterdam
In carica
Inizio mandato 12 luglio 2018
Predecessore Kajsa Ollongren
(ad interim)
Eric van der Burg
(ad interim)
Jozias van Aartsen
(ad interim)

Capogruppo di Sinistra Verde alla Tweede Kamer
Durata mandato 26 novembre 2002 –
16 dicembre 2010
Predecessore Paul Rosenmöller
Successore Jolande Sap

Dati generali
Partito politico Sinistra Verde (dal 1997)
Partito del Lavoro
(fino al 1997)
Università Università di Utrecht

Femke Halsema (Haarlem, 25 aprile 1966) è una politica olandese, dal luglio 2018 il primo sindaco donna di Amsterdam.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Halsema ha studiato criminologia e sociologia del diritto all'Università di Utrecht. Dal 1993 al 1997 ha lavorato presso la Wiardi Beckman Stiching, l'istituto scientifico del PvdA.

Nel 1998 è stata eletta al parlamento olandese per Sinistra Verde. Durante il primo mandato del governo di Jan Peter Balkenende, è stata una portavoce legale del suo gruppo e ha fortemente criticato la nuova legislazione sugli stranieri. Dal novembre 2002 è leader del gruppo. Alla fine del 2003, si è temporaneamente dimessa da questo incarico quando è diventata madre di due gemelli.

È considerata appartenente alla sinistra liberale (anche se preferisce definirsi "liberale"). Questa immagine è stata rafforzata nel 2005 dalla pubblicazione del manifesto Vrijheid eerlijk delen ("Condividere la libertà onestamente"). Nel gennaio 2006, è stata nominata "Liberale dell'anno" dal JOVD, l'organizzazione giovanile del VVD.[1]

Alle elezioni legislative olandesi del 2006 ha corso come principale candidato del suo partito. Sempre alle elezioni legislative del 9 giugno 2010, ha guidato la lista dei candidati di Sinistra Verde. In queste elezioni, il partito è riuscito ad aumentare il numero dei seggi parlamentari da 7 a 10; Tuttavia, una desiderata partecipazione del governo non si è materializzata. Il 17 dicembre 2010, Halsema ha annunciato il suo ritiro dalla politica e ha annunciato di aver dato le dimissioni il 16 dicembre,[2] la presidenza del gruppo, è passata al suo successore in questa carica Jolande Sap. Il 10 gennaio 2011 ha lasciato la Tweede Kamer.[3]

Prima della formazione del governo Rutte II dopo le elezioni legislative del settembre 2012, è stata proposta da Lodewijk Asscher (PvdA) come possibile ministro, venendo respinta dal partner della coalizione VVD.[4]

Dopo aver lasciato la politica, ha lavorato come giornalista, ha ricoperto incarichi di insegnamento temporaneo nelle Università di Tilburg e Utrecht, è stata membro di diversi organi di supervisione nel settore pubblico o privato e ha partecipato a varie produzioni televisive.

Dal 12 luglio 2018 è sindaco di Amsterdam.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Halsema vive ad Amsterdam con il documentarista televisivo Robert Oey, che ha realizzato il film De Leugen a cui ha partecipato anche Halsema (in parte cantando). Insieme hanno una figlia e un figlio, gemelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Volkskrant: Femke Halsema ‘liberaal van het jaar’
  2. ^ (NL) FemkeHalsema.nl: Femke Halsema verlaat de politiek Archiviato il 28 agosto 2018 in Internet Archive.
  3. ^ (NL) FemkeHalsema.nl: Afscheid van de Kamer Archiviato il 29 giugno 2018 in Internet Archive.
  4. ^ (NL) Femke Halsema: Pluche, Ambo|Anthos, Amsterdam 2016, S. 381–383.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (NL) Femke Halsema / Michiel Zonneveld: Linkse lente. (Femke Halsema in gesprek met Michiel Zonneveld over den linkse lente). Bakker, Amsterdam 2006. ISBN 90-351-3076-6.
  • (NL) Femke Halsema: Zoeken naar vrijheid. Teksten 2002–2010. Anthos Uitgevers, Amsterdam 2011. ISBN 978-90-351-3656-4.
  • (NL) Femke Halsema: Pluche. Politieke memoires. Ambo / Anthos, Amsterdam 2016. ISBN 978-90-263-2806-0.
  • (NL) Femke Halsema: Nergensland. Nieuw licht op migratie. Ambo / Anthos, Amsterdam 2017. ISBN 978-90-263-4001-7.
  • (NL) Dik Verkuil: Vrijzinnig links. Zin in de toekomst met Femke Halsema (2002–2010). In: Paul Lucardie / Gerrit Voerman (Red.) Van de straat naar de staat? GroenLinks 1990–2010. Boom, Amsterdam 2010, S. 115–145.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sindaco di Amsterdam Successore Wapen van Amsterdam.svg
Kajsa Ollongren
(ad interim)
Eric van der Burg
(ad interim)
Jozias van Aartsen
(ad interim)
dal 12 luglio 2018 in carica
Predecessore Capogruppo di Sinistra Verde alla Tweede Kamer Successore
Paul Rosenmöller 26 novembre 2002 - 16 dicembre 2010 Jolande Sap
Controllo di autoritàVIAF (EN73148121 · ISNI (EN0000 0000 7878 4280 · LCCN (ENn97120630 · GND (DE132680173 · WorldCat Identities (ENlccn-n97120630