Lodewijk Asscher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lodewijk Frans Asscher
Lodewijk Asscher 2015 (1).jpg
Asscher nel 2015

Viceministro presidente dei Paesi Bassi
Durata mandato 5 novembre 2012 –
26 ottobre 2017
Capo di Stato Beatrice
Guglielmo Alessandro
Capo del governo Mark Rutte
Predecessore Maxime Verhagen

Ministro degli affari sociali e del lavoro dei Paesi Bassi
Durata mandato 5 novembre 2012 –
26 ottobre 2017
Capo di Stato Beatrice
Guglielmo Alessandro
Capo del governo Mark Rutte
Predecessore Henk Kamp

Sindaco di Amsterdam (ad interim)
Durata mandato 12 marzo 2010 –
7 luglio 2010
Capo di Stato Beatrice
Capo del governo Jan Peter Balkenende
Predecessore Job Cohen
Successore Eberhard van der Laan

Leader del Partito del Lavoro
In carica
Inizio mandato 10 dicembre 2016
Predecessore Diederik Samsom

Dati generali
Partito politico PvdA
Università Università di Amsterdam

Lodewijk Frans Asscher (Amsterdam, 27 settembre 1974) è un politico, giurista e docente universitario olandese, membro del Partito del Lavoro e, a partire dal 5 novembre 2012, vice primo ministro e ministro degli affari sociali e del lavoro dei Paesi Bassi nel governo Rutte II. In precedenza fu sindaco di Amsterdam dal 12 marzo al 7 luglio 2010.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Asscher nacque ad Amsterdam da Irene Asscher-Vonk, ex docente di diritto all'Università Radboud di Nimega, e Bram Asscher, avvocato di origini ebree;[2] la madre è membro del Partito del Lavoro, il padre del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia.[3] Frequentò la Christelijk Gymnasium Sorghvliet, scuola protestante dell'Aia. In seguito, studiò psicologia e diritto all'Università di Amsterdam, ottenendo poi, nel 2002, un dottorato di ricerca in legge.[4]

Asscher entrò nel mondo della politica a seguito delle elezioni amministrative del 2002. Dopo aver ricoperto alcuni incarichi minori all'interno della giunta comunale di Amsterdam, come quello di assessore all'economia e trasporti e quello di vice-sindaco, divenne brevemente sindaco di Amsterdam, carica che ricoprì dal 12 marzo al 7 luglio 2010. Il 5 novembre 2012 fu nominato vice-primo ministro e ministro degli affari sociali e del lavoro del governo Rutte II.[5][6]

Nel suo libro Nieuw Amsterdam, pubblicato nel 2005, si è dichiarato contrario alla schiavitù sessuale e alla prostituzione in generale.

Dal 2005 è sposato con Jildau Piena, dalla quale ha avuto tre figli.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Lodewijk Asscher waarnemend burgemeester, in Trouw, 19 marzo 2010. URL consultato il 21 novembre 2015.
  2. ^ (NL) Op vrijdag aten we challe, met Pasen matzes, in Jonet, 20 novembre 2010. URL consultato il 21 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2012).
  3. ^ (NL) Lodewijk Asscher 'Ik ben soms knetterhard', in Intermediair, 8 dicembre 2005. URL consultato il 21 novembre 2015.
  4. ^ (NL) Dr. L.F. (Lodewijk) Asscher, in Parlement & Politiek. URL consultato il 21 novembre 2015.
  5. ^ (NL) Lodewijk Asscher wordt vicepremier [collegamento interrotto], in NOS, 26 ottobre 2012. URL consultato il 21 novembre 2015.
  6. ^ (NL) Asscher: politiek talent van de PvdA, in NOS, 1º novembre 2012. URL consultato il 21 novembre 2015.
  7. ^ (NL) Lodewijk Asscher: wordt hij Wibaut of Cohen?, in Wordpress, 14 ottobre 2011. URL consultato il 21 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107742300 · ISNI (EN0000 0000 8405 5009 · LCCN (ENn2010054303 · GND (DE140749977 · WorldCat Identities (ENlccn-n2010054303