Ezio Zefferi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ezio Zefferi (Tunisi, 5 settembre 1926) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Profugo dalla Tunisia, dopo la liberazione di Roma lavora al Comando Alleato come interprete di francese. Comincia a scrivere al Momento Sera e successivamente alla Gazzetta di Mantova dove segue la famiglia riunitasi dopo la guerra.

Nel 1954 partecipa al primo concorso per Teleradiocronisti indetto dalla Rai a Milano e nel gennaio del 1954 viene assunto cominciando a lavorare ai primi programmi realizzati dalla sede di Corso Sempione (Entra dalla comune, dedicato al mondo del teatro). Nella Rai di quegli anni i giornalisti facevano un po' di tutto: radiocronisti sportivi e di cronaca, documentari radiofonici e televisivi. Nel 1956 si trasferisce a Napoli, nel 1960 partecipa come radiocronista alle Olimpiadi per quanto riguarda soprattutto il pugilato. In TV, nei primi anni Sessanta, egli è la quarta voce del calcio, dopo Nicolò Carosio, Nando Martellini e Giuseppe Albertini, e commenta qualche incontro di serie A o di serie B. In quegli anni realizza vari documentari rintracciabili nelle teche Rai per programmi curati, tra gli altri, da Enzo Biagi. Trasferitosi a Roma si occupa dei Servizi speciali del Telegiornale succedendo a Ezio Zavoli. Nella notte tra il 20 e il 21 luglio 1969 organizza le varie fasi della lunga diretta dello sbarco sulla Luna da Roma con i giornalisti Tito Stagno, Andrea Barbato e il corrispondente dagli Stati Uniti Ruggero Orlando. Dopo la riforma del 1976 partecipa con Andrea Barbato alla creazione del TG2 e soprattutto delle rubriche giornalistiche di approfondimento di cui è responsabile (TG2 Dossier, Grandangolo, Sestante...) Viene nominato Vicedirettore del TG2 e intanto coltiva la sua passione per la musica che lo porterà, una volta lasciata la Rai, alla nomina a Sovrintendente del Teatro Regio di Torino. Cura la regia di numerose opere liriche: La fanciulla del west a Verona, Rigoletto a Bari, Norma a Padova, La bohème e La forza del destino a Cagliari e molte altre ancora.