Eurotariffa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Eurotariffa è il piano di tariffazione del roaming internazionale deciso dall'Unione europea per tutti gli operatori di telefonia mobile comunitari al fine di garantire agli utenti delle reti pubbliche di comunicazione mobile che viaggiano all'interno della Comunità di non pagare prezzi eccessivi rispetto alle tariffe competitive nazionali per i servizi vocali di roaming intracomunitario quando effettuano e ricevono chiamate, inviano e ricevono SMS e utilizzano servizi di trasmissione dati a commutazione di pacchetto.

La normativa di riferimento è il Regolamento (CE) N. 717/2007 del Parlamento Europeo[1], così come modificato dal Regolamento (CE) N. 544/2009[2]. Le nuove norme sul roaming si applicheranno fino all'estate 2012. Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno chiesto alla Commissione di riferire sul funzionamento delle nuove norme entro l'estate del 2010. A quel punto la Commissione potrebbe proporre altre norme, se necessario, entro la fine di giugno 2011.

Il 15 giugno 2017 saranno aboliti i costi per il roaming nell'Unione Europea, e l'Eurotariffa non esisterà più.

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 luglio 2006 la Commissione europea ha presentato una proposta di regolamento comunitario inteso a ridurre fino al 70% le tariffe di roaming della telefonia mobile praticate nell'Unione europea, nella prospettiva del completamento del mercato interno. Nonostante molte resistenze[3] da parte degli operatori mobili, il 23 maggio 2007 il Parlamento europeo ha votato, ad ampia maggioranza, a favore del Regolamento (CE) N. 717/2007.

In vigore dall'estate 2007 l'applicazione della normativa europea ha prodotto un notevole abbassamento delle tariffe voce e, dal 1º luglio 2009, degli SMS[4]. Si calcola che già nel suo primo anno di applicazione la nuova Eurotariffa per il roaming abbia portato un risparmio di oltre il 60%[5] per i 400 milioni di clienti mobili comunitari: le tariffe del 2007 avevano come tetto massimo, al netto delle imposte nazionali, 0,49 € al minuto per effettuare e a 0,24 € al minuto per ricevere una chiamata. Le precedenti tariffe medie per il roaming applicabili alle chiamate tra due Stati membri dell’UE invece ammontavano rispettivamente a 1,10 € e 0,58 €.

I costi[modifica | modifica wikitesto]

Al momento si applica alla clientela finale solo il limite per le chiamate voce e gli SMS, mentre la navigazione in internet ha prezzi vincolanti solo per il traffico all'ingrosso tra gli operatori e non riflette direttamente quindi sulle tariffe in commercio. Dal marzo 2010 la clientela finale è informata del costo dei servizi di trasmissione dati, in quanto le nuove norme impongono agli operatori di fornire, mediante SMS o finestra "pop-up", gratuitamente ai loro clienti informazioni specifiche per paese sulle tariffe di roaming non appena si recano in un altro Stato membro e utilizzano i servizi di dati.

Dal 1º luglio 2010, per evitare tariffazioni eccessive (il cosiddetto bill shock) è stato inoltre introdotto un meccanismo di blocco quando la spesa mensile per traffico dati raggiunge 50 euro, IVA esclusa,[6] o un'altra soglia a scelta del consumatore. Tale soglia è valida sia per gli utenti privati, sia per gli utenti affari.

Questi i prezzi massimi, imposte locali escluse, per i clienti mobili europei con le scadenze programmate dall'Unione per la variazione dei prezzi.

L'azzeramento totale delle tariffe di roaming è previsto per il 15 giugno 2017 come stabilito il 30 giugno 2015 con norme da ratificare entro il 30 aprile 2016. Nel periodo compreso tra il 1 maggio 2016 e 15 giugno 2017 è prevista, inoltre, solo una maggiorazione ai prezzi delle tariffe nazionali.[7]

Limiti massimi Eurotariffa[modifica | modifica wikitesto]

In vigore dal
30.08.2007 30.08.2008 01.07.2009 01.07.2010 01.07.2011 01.07.2012 01.07.2013 01.07.2014
fino al
29.08.2008 30.06.2009 30.06.2010 30.06.2011 30.06.2012 30.06.2013 30.06.2014 30.04.2016
Servizio Unità Prezzi massimi roaming internazionale in Unione Europea e paesi EEA
(in euro senza IVA)[8][9][10][11]
Valido per tutti i clienti mobili
Chiamate uscenti verso numeri di operatori comunitari ed EEA costo al minuto 0,49 0,46 0,43 0,39 0,35 0,29 0,24 0,19
tariffazione - al secondo dal 31º (30/1)
Chiamate entranti da qualsiasi provenienza costo al minuto 0,24 0,22 0,19 0,15 0,11 0,08 0,07 0,05
tariffazione - al secondo (1/1)
SMS verso numerazioni comunitarie ed EEA costo per messaggio - 0,11 0,09 0,08 0,06
Traffico dati costo per Megabyte - 0,70 0,45 0,20
tariffazione - per singolo kilobyte (1 kB/1 kB)
spesa mensile massima - 50 €
Prezzo all'ingrosso tra operatori
Chiamate uscenti verso numeri di operatori comunitari ed EEA costo al minuto 0,30 0,28 0,26 0,22 0,18 0,14 0,10 0,05
tariffazione - al secondo dal 31º
SMS verso numerazioni comunitarie ed EEA costo per messaggio - 0,04 0,03 0,02
Traffico dati prezzo al MB - 1,00 0,80 0,50 0,25 0,15 0,05
tariffazione - per singolo kB (1 kB/1 kB)
Passato
Presente
Futuro

I paesi[modifica | modifica wikitesto]

L’Eurotariffa si applica nei 28 Stati membri dell’Unione europea[12] ed è stata ampliata, dal 1º gennaio 2008, agli Stati membri dello Spazio Economico Europeo (EEA) come Islanda, Norvegia e Liechtenstein. I tre stati EEA fanno parte dell'EFTA assieme alla Svizzera che però non ha aderito ufficialmente al regolamento.

Questo l'elenco completo dei 31 paesi aderenti:

La Svizzera, come Andorra ed altri Stati confinanti, è talvolta inserita nell'area dei paesi comunitari solo in caso di bilateralità tra gli operatori e/o per scelta commerciale unilaterale[13]: il gestore della Repubblica di San Marino, Prima, ha, a sua volta, spontaneamente applicato ai propri clienti una tariffa "Area Euro"[14] che ricalca la normativa comunitaria.

Il paradosso dell'Eurotariffa[modifica | modifica wikitesto]

Il cosiddetto paradosso dell'Eurotariffa si riferisce al fatto che molte tariffe nazionali, sia in Italia che in altri Paesi UE, hanno costi maggiori di quelli operati in roaming.

In Italia, ad esempio[15], inviare un SMS nazionale costa (considerando solo le tariffe dei quattro operatori principali, esclusi gli operatori virtuali) dai 7 centesimi (Wind 1[16]) fino ai 19,9 centesimi (Vodafone 19[17]); ma comunque in media sopra i 10 centesimi mentre inviarlo da un altro Paese UE verso la stessa numerazione ne costa solo 7,32 (6 centesimi + IVA).

Le due Autorità Garanti italiane hanno aperto un'indagine per risolvere il paradosso[18][19] nel maggio 2009. Dopo un'intensa opera di moral suasion da parte di Agcom, i gestori telefonici a partire da febbraio 2010 hanno introdotto almeno una tariffa (sia per i prepagati, sia per i postpagati) il cui costo degli SMS è allineato a quello previsto dall'Eurotariffa. Tuttavia, con le progressive riduzioni dell'Eurotariffa negli anni successivi, il paradosso dell'Eurotariffa è nuovamente riemerso.

A Luglio 2015 fra i quattro grandi operatori italiani sembra che solo Tim, Vodafone e Wind abbiano nella loro offerta una tariffa (Tim a Secondi[20], Vodafone Senza Scatto New[21] e Wind 1[16]) che risolva il paradosso con SMS a 7,32 centesimi (come nel roaming UE) e 7 centesimi rispettivamente. La tariffa di Tim considera anche l'altra indicazione dell'Agcom: avere almeno una tariffa senza scatto alla risposta e tariffazione al secondo da attivare gratuitamente per tutti i clienti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regolamento (CE) N. 717/2007 del Parlamento Europeo.
  2. ^ Regolamento (CE) N. 544/2009 del Parlamento Europeo.
  3. ^ Ribasso forzato delle tariffe Roaming: le richieste degli operatori, Pianeta Cellulare.
  4. ^ Da luglio telefonini meno cari. L'Ue taglia tariffe di SMS e chiamate, Corriere della Sera.
  5. ^ L'Europa e voi nel 2007 - L'Eurotariffa riduce le bollette del cellulare, Commissione Europea.
  6. ^ Fine delle tariffe di roaming esorbitanti: da oggi, grazie all'azione dell'UE, inviare SMS, chiamare o navigare sul web all'estero costerà molto meno, Europa Press releases.
  7. ^ Stop al roaming: passo avanti per l’Europa unica digitale
  8. ^ (EN) Roaming prices: Calling home becomes cheaper again – but not (yet) texting across borders, EUROPA Press releases, 28 agosto 2008. URL consultato il 2 luglio 2012.
  9. ^ Luglio col bene che ti voglio… chiamare in roaming costerà ancora meno, Parlamento Europeo, 22 aprile 2009. URL consultato il 2 luglio 2012.
  10. ^ Roaming meno caro con l'Eurotariffa, Parlamento Europeo, 22 aprile 2009. URL consultato il 2 luglio 2012.
  11. ^ Testi approvati - Modifica del regolamento (CE) n. 717/2007 (telefonia mobile) e della direttiva 2002/21/CE (comunicazioni elettroniche), Parlamento Europeo, 22 aprile 2009. URL consultato il 2 luglio 2012.
  12. ^ (EN) Roaming, find your operator, Commissione Europea.
  13. ^ World Option Flex, Swisscom “allarga” l'Eurotariffa, Mondo3.
  14. ^ Le tariffe di roaming, Prima.
  15. ^ Altroconsumo, il paradosso tutto italiano: eurotariffe più vantaggiose dall'estero che non dall'Italia, Key4Biz.
  16. ^ a b Wind 1 - Wind. URL consultato il 2015-07-02.
  17. ^ Vodafone 19 su eshop_vodafone_it. URL consultato il 2015-07-02.
  18. ^ Sms troppo costosi giro di vite delle Authority, la Repubblica.
  19. ^ Eurotariffe meno care di quelle italiane, Cellulare Magazine.
  20. ^ TIM a Secondi | TIM su www.tim.it. URL consultato il 2015-07-02.
  21. ^ Vodafone su www.vodafone.it. URL consultato il 2015-08-22.