Eugenio Cecconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Eugenio Cecconi (pittore).
Eugenio Cecconi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Vecchio cimitero della misericordia ai pinti, cappella, prima tomba del vescovo eugenio cecconi, di augusto passaglia, 1888 ca. 01.jpg
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo metropolita di Firenze (1874-1888)
 
Nato4 febbraio 1834 a Firenze
Ordinato presbitero8 settembre 1859
Nominato arcivescovo21 dicembre 1874 da papa Pio IX
Consacrato arcivescovo3 gennaio 1875 dal cardinale Costantino Patrizi Naro
Deceduto15 giugno 1888 (54 anni) a Firenze
 

«Io vi amo, o carissimi, sia che a Lui vi serbiate fedeli, sia che trepidamente lo serviate, sia che per vostra sventura col peccato gli siate diventati nemici»

(Dalla prima pastorale)

Eugenio Cecconi (Firenze, 4 febbraio 1834Firenze, 15 giugno 1888) è stato un arcivescovo cattolico italiano, arcivescovo di Firenze dal 1874 al 1888.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Firenze, fu, oltre che uomo di chiesa, un poeta e letterato. Profondo conoscitore della storia, seppe capire i tempi che stavano mutando prima degli altri, e forse non venne capito a fondo per essere pienamente apprezzato.

Dopo una lunga malattia pubblicò una lettera pastorale intitolata "La Pace", che fu ripresa da molti uomini politici.

Quando i protestanti celebrarono il quarto centenario della nascita di Lutero, anche a Firenze, dove all'epoca circa un terzo della popolazione erano stranieri, ci fu un gran numero di manifestazioni e cerimonie. In quell'occasione l'arcivescovo scrisse uno studio storico in difesa della fede cattolica nella sua città.

Morì di cancro il 15 giugno 1888.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18098819 · ISNI (EN0000 0001 0855 6511 · SBN IT\ICCU\UBOV\848859 · LCCN (ENn88070544 · GND (DE122187903 · BAV ADV10078153 · WorldCat Identities (ENn88-070544