Eso (isola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eso
Ugljan 8 from st Mihovila.jpg
Eso (in secondo piano) vista da Ugliano
Geografia fisica
Localizzazione Mare Adriatico
Coordinate 44°02′12.06″N 15°06′46.05″E / 44.036683°N 15.112792°E44.036683; 15.112792Coordinate: 44°02′12.06″N 15°06′46.05″E / 44.036683°N 15.112792°E44.036683; 15.112792
Arcipelago zaratino
Superficie 16,51[1] km²
Sviluppo costiero 35,22[1]
Altitudine massima 168[2] m s.l.m.
Geografia politica
Stato Croazia Croazia
Regione Regione zaratina
Centro principale Eso Grande
Demografia
Abitanti 615 (2011[3])
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Eso
Eso

[senza fonte]

voci di isole della Croazia presenti su Wikipedia

Eso[4] (in croato: ) è un'isola della Croazia non lontana da Zara.

L'isola di Eso è situata nell'arcipelago zaratino tra l'Isola Lunga, a est, da cui è separata dal canale di Eso (Iški kanal), e quella di Ugliano, ad ovest, che si trova al di là del canale di Mezzo (Srednji kanal). Al pari delle isole vicine si sviluppa molto in lunghezza lungo un asse NO-SE, mentre in larghezza non misura che un paio di chilometri. Lungo la costa orientale, che offre approdi maggiormente riparati, si affacciano i principali centri abitati: Eso Grande (Veli Iž) ed Eso Piccolo (Mali Iž).

L'isola mantiene un'antica tradizione di fabbricazione della ceramica, con la produzione degli Iški lopiži (tipici contenitori di argilla)[5], che assieme al turismo, alla pesca ed alla coltivazione dell'olivo costituisce il fondamento dell'economia dell'isola.

Abitata nell'Età del bronzo, presenta reperti illirici, celtici e romani. Costantino VII Porfirogenito, nel X sec., la chiamava Ez[4].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Eso è lunga 12 km da punta Lussiglianza[4] (Osiljinac), a nord, a punta Parda, l'estremità meridionale. L'isola ha una superficie di 16,51 km²[1] e lo sviluppo costiero è di 35,22 km[1], l'elevazione massima, 168 m s.l.m.[2], è quella del monte Corigna[4] (Korinjak,) nella parte settentrionale dell'isola. Tra Eso e l'Isola Lunga si trova l'isola di Rava.

Isole adiacenti[modifica | modifica wikitesto]

Eso e gli isolotti satelliti

Eso è circondata da una decina di isolotti, il più grande dei quali è Conte.

  1. Belli[4], Bilo[6] o Beli[7] (Veli Otok), circa 1 km ad ovest di punta Lussiglianza, l'isolotto ha una superficie di 0,202 km²[1] e una costa lunga 2 km[1], l'elevazione massima è di 42,4 m[2] 44°04′50″N 15°03′10″E / 44.080556°N 15.052778°E44.080556; 15.052778.
  2. Szigkne[6] (Mali Otok), scoglio con una superficie di 0,01 km²[1] e una costa di 2 km[1] situato a sud-est di Belli; dista circa 700 m da Eso 44°04′23″N 15°03′48″E / 44.073056°N 15.063333°E44.073056; 15.063333.
  3. Tovariak[6] o Mezzo[4] (Srednji Otok), tra Szigkne e Stagnago con una superficie di 0,14 km²[1], una costa di 1,8 km[1] e un'elevazione di 34 m[2] 44°04′15″N 15°03′45″E / 44.070833°N 15.0625°E44.070833; 15.0625.
  4. Stagnago[4] o Stagnak[6] (Glurović), isolotto tra Mezzo e punta Saline (a circa 250 m da ambedue[2]; ha una superficie di 0,071 km²[1], una costa lunga 1,01 km[1] e un'elevazione di 26 m[2] 44°03′55″N 15°04′14″E / 44.065278°N 15.070556°E44.065278; 15.070556.
  5. Cudizza[4] (Kudica), isolotto rotondo con un'area di 0,038 km² e una costa di 0,39 km[1], a circa 250 m[2] dalla costa occidentale 44°01′52″N 15°06′12″E / 44.031111°N 15.103333°E44.031111; 15.103333.
  6. Follia[4] (Fulija), piccolo isolotto con una superficie di 0,088 km² e una costa di 1,23 km[1], vicino alla costa sud-ovest di Eso, 450 m circa[2] 44°01′01″N 15°06′46″E / 44.016944°N 15.112778°E44.016944; 15.112778.
  7. Oliveto[4] (Maslinovac), adiacente a Rava.
  8. Santo Stefano[4] (Luški Otok), adiacente all'Isola Lunga.
  9. Ruta[4] o Raugnak[6] (Rutnjak), piccolo isolotto con una superficie di 0,025 km²[1] e una costa di 0,67 km[1], di fronte a Eso Grande, sulla costa orientale 44°03′13″N 15°07′18″E / 44.053611°N 15.121667°E44.053611; 15.121667.
  10. Conte[4] (Knežak), il maggiore degli isolotti satelliti di Eso; si trova a nord del porto di Eso Piccolo; ha una superficie di 0,358 km²[1], la costa lunga 2,36 km[1] e un'elevazione di 60,2 m[2] 44°02′30″N 15°08′01″E / 44.041667°N 15.133611°E44.041667; 15.133611.
  11. Školjić, scoglio nella baia Vodegna[4] (Vodenjak).
  12. Tomesgago[4] o Tomesgnac[6] (Tomešnjak o Gaćinov Školj), piccolo isolotto di forma ovale, a sud-est di Eso; ha una superficie di 0,082 km²[1], la costa lunga 1,2 km[1] e un'elevazione massima di 20 m[2] 44°00′42″N 15°09′32″E / 44.011667°N 15.158889°E44.011667; 15.158889.
  13. Dragoves[4] o Dragovesch[6] (Mrtovnjak o Maćin Školj) , circa 900 m a est di Tomesgago; ha una superficie di 0,032 km²[1], la costa lunga 0,71 km[1]. Sull'isolotto c'è un segnale luminoso 44°00′42″N 15°10′31″E / 44.011667°N 15.175278°E44.011667; 15.175278.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v (ENHR) Tea Duplančić Leder, Tin Ujević e Mendi Čala, Coastline lengths and areas of islands in the Croatian part of the Adriatic Sea determined from the topographic maps at the scale of 1:25000 [Lunghezze delle linee di costa e aree delle isole nella parte croata del mare Adriatico definite in base alle mappe topografiche in scala 1:25000] (PDF), in Geoadria, vol. 9, nº 1, Zara, Hrvatski hidrografski institut [Istituto idrografico della Croazia], 2004, pp. 12-30. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  2. ^ a b c d e f g h i j (HR) Mappa topografica della Croazia 1:25000, preglednik.arkod.hr. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  3. ^ Statistički ljetopis Republike Hrvatske 2015 [Statistical Yearbook of the Republic of Croatia 2015] (PDF), dzs.hr. URL consultato il 22 novembre 2016.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, 2008, Trebaseleghe (PD), Lint Editoriale, pp. 645-646.
  5. ^ Isola di Iž (Mali Iž), zadar.travel. URL consultato il 23 novembre 2016.
  6. ^ a b c d e f g Giacomo Marieni, Portolano del mare Adriatico, a cura di Istituto geografico militare, seconda edizione, Vienna, Tipografia dei PP. Mechitaristi, 1845, pp. 194-195. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  7. ^ Alberto Rizzi, Guida della Dalmazia, vol. I, 2010, Trieste, ed. Italo Svevo, p. 450.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN316747513