Ernesto Daquanno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ernesto Daquanno (Roma, 7 gennaio 1897Dongo, 28 aprile 1945) è stato un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nazionalista, futurista e amico di Filippo Tommaso Marinetti, il 23 marzo 1919 partecipò alla fondazione dei Fasci in una sala in piazza San Sepolcro a Milano, ottenendo durante il regime fascista il brevetto di "sansepolcrista".

Durante il ventennio fascista collaborando con il Regime in qualità di redattore di vari quotidiani.

Dopo il 25 luglio 1943, caduto Mussolini, a causa di un provvedimento del primo governo Badoglio, fu licenziato dal quotidiano La Stampa, di cui dirigeva la redazione romana, mentre il quotidiano Il Lavoro Fascista di cui era redattore sindacale, cessava le pubblicazioni.

Aderì subito alla Repubblica Sociale Italiana; divenne uno dei giornalisti di punta e direttore del Giornale Radio-EIAR, la cui sede fu trasferita a Milano.

Successivamente è inviato a dirigere il quotidiano Il Lavoro di Genova, dal 26 gennaio al 2 giugno 1944 (giorno in cui venne sostituito da Gian Gino Pellegrini); è nominato direttore generale della Agenzia Stefani, per cui lavorerà sino alla fine. Nel periodo della direzione del Lavoro scrive più di trenta articoli sulla socializzazione delle imprese, di cui i migliori sono raccolti in un libretto: La socializzazione delle imprese.

Dopo il 25 aprile 1945, dichiarando di voler fare l'ultimo quadrato intorno a Mussolini, lo segue da Salò a Milano, poi a Como e infine a Dongo, dove viene catturato e fucilato. La salma, trasportata a Milano, fu esposta in Piazzale Loreto.

Controllo di autoritàVIAF (EN32834718 · ISNI (EN0000 0000 1617 3943