Enzmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enzmann
Logo
Stato Svizzera Svizzera
Fondazione 1958 a Schüpfheim
Fondata da Emil Enzmann
Chiusura 1968
Sede principale Schüpfheim
Persone chiave Karl Enzmann, presidente
Settore Automobilistico
Sito web
Enzmann 506
Enzmann 506 white vr.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Enzmann
Produzione dal 1958 al 1968
Esemplari prodotti circa 100
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4200 mm
Larghezza 1600 mm
Altezza 1080 mm
Passo 2400 mm
Massa 530 a vuoto kg
Altro
Stile Emil Enzmann
Stessa famiglia Volkswagen Maggiolino
Auto simili Volkswagen Karmann Ghia

La Enzmann Automobile è una piccola casa automobilistica svizzera attiva a Schüpfheim, tra il 1958 e il 1968.

L'azienda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953, Emil Enzmann decise di costruire, nella rimessa della propria abitazione, una carrozzeria d'auto in vetroresina, allo scopo di vestire una meccanica Volkswagen Maggiolino. La realizzazione comportò quasi tre anni di lavoro, ma ne riuscì un prototipo talmente valido da ritenerne possibile la produzione in piccola serie.

La vettura venne presentata alla stampa nazionale nel settembre 1956 e, vista l'entusiastica accoglienza, si decise di esporla al Salone dell'automobile di Francoforte del 1957. La partecipazione al salone aveva l'intenti puramente divulgativi e gli ordinativi raccolti presero Enzmann totalmente alla sprovvista.

Enzmann 506 cockpit.jpg

Il costruttore-hobbista nemmeno aveva provveduto a presenziare o, almeno, ad esporre l'indirizzo dell'azienda che, peraltro, ancora non esisteva. Le lettere d'ordine vennero inviate alla segreteria del Salone, citando il nome dell'espositore ed il numero dello stand: 506. Fu così che Emil decise di produrre in piccola serie la vettura e di battezzarla "Enzmann 506".

La produzione ebbe inizio, nel 1958, con modalità strettamente artigianali e continuò in questo modo fino alla chiusura dell'azienda nel 1968, dopo un centinaio di esemplari costruiti.

A partire dal 1961, la Volkswagen decise di sospendere la fornitura a terzi delle meccaniche "nude" e la Enzmann fu costretta ad acquistare vetture complete per realizzare le proprie. Anche per questo motivo vennero approntati alcuni su meccanica DKW 3=6 Monza che, però, non ebbero seguito produttivo.

Il tipo "506" è stato l'unico modello prodotto dalla Enzmann che ne ha realizzati circa 100 esemplari tra il 1958 al 1968, anno in cui terminò la produzione.

Dal 2000, Karl Enzmann, figlio del fondatore ed erede degli stampi originali, ha deciso di riavviare la costruzione della "506", unicamente su ordinazione.

La 506[modifica | modifica wikitesto]

La Enzmann 506 è un'autovettura special di tipo barchetta su autotelaio Volkswagen Maggiolino.

Veniva prodotta nelle versioni "Cabriolet" e "Coupé", entrambe ottenibili in allestimento "1300" e "Super 1300". La "506 Cabriolet" è in effetti una carrozzeria barchetta nel cui abitacolo ci si introduce scavalcando la linea di cintura, dato che le fiancate sono sprovviste di portiere d'accesso.

La "506 Coupé" mantiene l'identico corpo vettura della "Cabriolet", ma l'abitacolo è protetto da un hard-top in materiale plastico, dotato di un meccanismo ad azionamento manuale che arretra e ribalta il padiglione, allo scopo di consentire l'accesso al pilota e al passeggero, sempre scavalcando la fiancata.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Enzmann 506 Super 1300 Cabriolet del 1963
Enzmann506.jpg
Configurazione
Carrozzeria: in materiale pòlastico di tipo barchetta senza porte Posizione motore: posteriore trasversale a sbalzo sul retrotreno Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4200 × 1600 × 1080 Diametro minimo sterzata: 5,40 m
Interasse: 2400 mm Carreggiate: anteriore 1290 - posteriore 1250 mm Altezza minima da terra: 150 mm
Posti totali: 2 Bagagliaio: Serbatoio: 52 lt
Masse a vuoto: 530 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri orizzontali contrapposti (boxer), raffreddato ad aria e lubrificazione a carter umido, con radiatore dell'olio Cilindrata: Alesaggio x corsa = 77 x 69,5 mm: totale 1295 cm³
Distribuzione: Alimentazione: 2 carburatori monocorpo Solex invertiti tipo 28 PCI
Prestazioni motore Potenza: 45 CV DIN a 4600 giri/min / Coppia: 9,71 mkg DIN a 5200 giri/min
Accensione: a spinterogeno con distributore Bosch Impianto elettrico: 6 V, dinamo 1800 W e batteria 66 Ah
Frizione: monodisco a secco Cambio: a 4 rapporti + RM con II, III IV sincronizzate
Telaio
Corpo vettura a piattaforma con trave centrale
Sterzo a vite e dado
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, bracci longitudinali oscillanti, barre di torsione a lame, barra stabilizzatrice, ammortizzatori telescopici / posteriori: semiassi oscillanti, gambe di spinta, barre di torsione trasversali, ammortizzatori idrulici telescopici
Freni anteriori: a tamburo / posteriori: a tamburo, con superficie frenante totale di 620 cmq
Pneumatici 5,60 - 15" tubeless
Prestazioni dichiarate
Velocità: 160 km/h Accelerazione: 0-80 km/h in 9"
Consumi medio 7,8 lt/100 km
Fonte dei dati: [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo mondiale dell'automobile 1962, voce dedicata, Roma, LEA-ACI, 1962
  • Catalogo mondiale dell'automobile 1963, voce dedicata, Roma, LEA-ACI, 1963
  • Catalogo mondiale dell'automobile 1965, voce dedicata, Roma, LEA-ACI, 1965
  • Catalogo mondiale dell'automobile 1966, voce dedicata, Roma, LEA-ACI, 1966

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catalogo Mondiale dell'Automobile 1963, Roma, LEA, 1963