Entandrophragma cylindricum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la città nigeriana, vedi Sapele.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sapelli
Entandrophragma cylindricum
Stato di conservazione
Status iucn2.3 VU it.svg
Vulnerabile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Meliaceae
Genere Entandrophragma
Specie E. cylindricum
Nomenclatura binomiale
Entandrophragma cylindricum
(Sprague) Sprague, 1932
Nomi comuni

Sapelli,
sapele

Il sapelli o sapele (Entandrophragma cylindricum (Sprague) Sprague, 1932) è un albero africano che cresce nelle foreste tropicali. I nomi all'origine possono essere diversi, tra cui bonamba e aboudikro.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Raggiunge altezze di m 45, raramente fino a m 60. Le foglie cadono nella stagione secca, sono pennate e presentano da 5 a 9 paia alternate di foglioline acuminate lunghe circa 10 centimetri. Prima di mettere le foglie nuove produce infiorescenze di piccoli fiori giallastri del diametro di circa 5 millimetri a cinque petali. Il frutto è una capsula lunga circa 10 centimetri e larga 4: a maturazione avvenuta le cinque sezioni che lo compongono possono rilasciare fino a 15-20 semi alati.

Caratteristiche ed usi del legname[modifica | modifica wikitesto]

Il legno del sapelli, alle volte commercializzato come mogano sapelli, presenta una colorazione rossiccia simile al mogano americano (Swietenia), ha tessitura stretta e fibre intrecciate. La tranciatura a quarti mette in evidenza il caratteristico motivo a strisce, mentre nel taglio tangenziale sono ben visibili gli anelli di accrescimento. Appena tagliato ha un profumo simile a quello del cedro. Il legno è robusto, piuttosto flessibile, duro, compatto e resiste bene agli urti. Possiede una massa volumetrica media pari a Kg/m³ 625.

Viene utilizzato per mobili, impiallacciature, falegnameria d'interni, pavimenti, tornitura e in ebanisteria.
Inoltre in liuteria è impiegato nella fabbricazione di corpi di chitarre elettriche e per fondi e fasce di quelle acustiche, usato dai noti marchi Esteve (Spagna), Ibanez (Giappone/USA), Larrivée (Canada), Martin (USA), Taylor (USA) e Ashton (Sydney, Australia). Dagli anni '90 se ne è cominciato l'utilizzo per la costruzione dello txalaparta, lo strumento basco a percussione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica