Enslaved

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Enslaved (disambigua).
Enslaved
Enslaved Wave-Gotik-Treffen 2016 12.jpg
Gli Enslaved al Wave-Gotik-Treffen 2016
Paese d'origineNorvegia Norvegia
GenereBlack metal[1]
Viking metal[1]
Progressive metal[2]
Periodo di attività musicale1991 – in attività
Album pubblicati16
Studio14
Live2
Raccolte0
Sito ufficiale

Gli Enslaved sono un gruppo musicale progressive black metal norvegese fondato nel 1991.

Il loro genere è spesso inquadrato nel black/viking metal[1] ma questo vale specialmente per quanto riguarda i primi album, difatti gli ultimi lavori della band hanno evidenziato una sempre più crescente componente progressive[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si formano nel maggio 1991 ad opera di Ivar Bjørnson e Grutle Kjellson, all'età rispettivamente di 13 e 17 anni. Entrambi arrivano dall'esperienza nel gruppo death metal Phobia, abbandonato alla ricerca di nuove fonti di ispirazione ed espressione. Gli Enslaved aggiungono al sound black metal norvegese strumenti inusuali per il genere.

Nonostante la band ora canti in inglese, le loro prime canzoni erano cantate in islandese o in norreno antico, e una canzone del primo album era cantata in norvegese antico. La maggior parte dei testi sono collegati alla mitologia norrena.

Il nome del gruppo si ispira al titolo di una canzone demo degli Immortal, Enslaved in Rot.

Grutle Kjellson

Il primo vero album, Frost, è una pietra miliare nel panorama black e viking metal norvegese. A livello musicale il disco è crudo, freddo, spietato, con però componenti epiche, primitive, poetiche, che creano un fedele affresco delle regioni più remote della loro terra, senza virtuosismi né tecnicismi, senza grandi produzioni. Sulla stessa stregua anche altri gruppi, come i Borknagar con l'omonimo primo album, gli Ulver con Bergtatt e Nattens Madrigal, gli In the Woods... con Heart of the Ages.

Ivar Bjørnson

L'album Eld ha segnato l'inizio di uno stile più progressivo, con testi in norvegese che narrano di gesta vichinghe e mitologia scandinava.

Fedeli ed orgogliosi delle loro radici vichinghe, i membri della band rinunciano al classico nome da battaglia tipico dei gruppi black metal per adottare cognomi islandesi (con il suffisso "son") come gli antichi vichinghi, rifiutando il suffisso "sen", molto diffuso in Norvegia, importato dai colonizzatori danesi.

Arve Isdal

Il successivo album Blodhemn vede il gruppo rafforzare la propria formazione con l'arrivo del secondo chitarrista Roy Kronheim e soprattutto del batterista Dirge Rep proveniente dai conterranei Gehenna. Il suono si irrobustisce ulteriormente, anche grazie ad una più curata produzione sonora.

Gli Enslaved al Rockharz Open Air 2016

I successivi album vedranno il gruppo avventurarsi verso lidi sempre più sperimentali, arricchendo il classico granitico sound con atmosfere tipicamente rock progressivo anni settanta[3], specialmente a partire da Mardraum del 2000.

Gli Enslaved al Norway Rock Festival 2010

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Cato Bekkevold

Ex-componenti[modifica | modifica wikitesto]

Turnisti[modifica | modifica wikitesto]

Ex-Turnisti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Scheda del gruppo Enslaved presente sul sito metal-archives.com. Sito consultato il 05/03/09.
  2. ^ a b SpazioRock | Recensioni - Enslaved - Axioma Ethica Odini
  3. ^ Dayal Patterson, 10 of the best metal bands from Norway, su Metal Hammer - teamrock.com. URL consultato l'11 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni della Cioppa (a cura di), HM. Il grande libro dell'heavy metal, Giunti, 2010, ISBN 978-88-09-74962-7.
  • Dayal Patterson, Black Metal: Evolution of the Cult, Other Editions, 2014, ISBN 978-1936239757.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE10316009-7