Enrico Fermi (nave)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Fermi
Descrizione generale
Naval Jack of Italy.svg
Tipo Nave
Ordine Dicembre 1966
Costruttori Italcantieri (oggi Fincantieri S.p.A.)
Caratteristiche generali
Dislocamento 18 000
Lunghezza 175 m
Propulsione 1 reattore nucleare "ROSPO" da 80 MW elettrici

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La nave Enrico Fermi della Marina Militare Italiana doveva essere un'unità di supporto logistico e di rifornimento di squadra a propulsione nucleare.

Il progetto nasce nel dicembre 1966 sulle ceneri di quello per la realizzazione del sottomarino a propulsione nucleare "Guglielmo Marconi" arenatosi in seguito al veto statunitense.

La nave, la cui costruzione era affidata a Italcantieri (oggi Fincantieri S.p.A.), avrebbe dovuto possedere una lunghezza di 175 metri e un dislocamento di 18 000 tonnellate e la propulsione (così come la potenza necessaria per tutte le attività di bordo) sarebbe stata garantita da un reattore nucleare "ROSPO" da 80 MW elettrici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Cacace. Cap. Fra autonomia e protettorato (1961-1972) - Par. Dubbi e progetti dell'Italia, in L'atomica europea. 1a ed. Roma, Fazi Editore (collana Le terre/Interventi 82), 2004. p. 119. ISBN 88-8112-526-9.
  • Cosentino e Stanglini. La Marina Militare Italiana. EDAI.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina