Rappresentanza militare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rappresentanza Militare
Descrizione generale
NazioneItalia
Serviziorappresentanza del personale militare
MottoUna sors (una voce)
Parte di
Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La rappresentanza militare è un istituto giuridico interno alle forze armate italiane, previsto dalla legge 11 luglio 1978 n. 382, il cui scopo è quello di tutelare il personale appartenente alle forze armate in alcuni limitati ambiti consentiti dalla legge.

Organi[modifica | modifica wikitesto]

Gli organi della rappresentanza militare si distinguono in:

  • Co.Ce.R. (Consiglio Centrale di Rappresentanza): organo centrale, a carattere nazionale ed interforze, articolato in sezioni di Forza Armata o di Corpo Armato rappresenta unitariamente il personale dell'Esercito Italiano, della Marina Militare, dell'Aeronautica, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera;
  • Co.I.R. (Consiglio Intermedio di Rappresentanza): organo di rappresentanza intermedio, svolge la sua attività presso gli Alti comandi. Ogni Ente di Forza Armata di livello divisione o superiore è rappresentato dal suo COIR;
  • Co.Ba.R. (Consiglio Base di Rappresentanza): organo di base di rappresentanza del personale militare, generalmente opera a livello reggimentale, sulle Unità Navali da guerra e rappresenta il personale presso il Comandante di Corpo.

Composizione ed elezione[modifica | modifica wikitesto]

L'organo centrale e quelli intermedi sono costituiti da un numero fisso di delegati di ciascuna delle seguenti categorie: Ufficiali, Marescialli, Sergenti e Graduati - Militari di truppa. (Generalmente personale in qualifiche apicali e con molti anni di servizio maturato) Ogni Consiglio è ovviamente composto da Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e Militati di truppa che prestino servizio presso un Reparto dipendente dal Comando ove si effettua la rappresentanza. Nell'organo centrale la rappresentanza di ciascuna forza armata o corpo è proporzionale alla rispettiva consistenza numerica.

Il sistema delle elezioni è di tipo "organico" o "federato", cioè i membri di ogni caserma o Unità Navale eleggono i propri rappresentanti del COBAR, che a loro volta eleggeranno tra di loro i rappresentanti presso il proprio COIR di competenza, infine i membri dei vari COIR eleggeranno sempre tra di loro i rappresentanti della sezione di Forza Armata presso il COCER.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Le competenze del COCER riguardano la formulazione di pareri, di proposte e di richieste su tutte le materie che formano oggetto di norme legislative o regolamentari circa la condizione, il trattamento, la tutela - di natura giuridica, economica, previdenziale, sanitaria, culturale e morale dei militari.

I componenti del COIR fungono da consulenti dei Generali al comando delle Grandi Unità, così come il COBAR è impiegato in attività di consulenza del Comandante di Corpo, soprattutto per portare alla sua attenzione ogni tipo di questione ritenuta sensibile per il benessere del personale e per l'efficienza del Reparto stesso.

Dalle competenze degli organi rappresentativi sono comunque escluse le materie concernenti l'ordinamento, l'addestramento, le operazioni, il settore logistico-operativo, il rapporto gerarchico-funzionale e l'impiego del personale.

Gli organi rappresentativi hanno inoltre la funzione di prospettare le istanze di carattere collettivo, relative ai seguenti campi di interesse:

  • conservazione dei posti di lavoro durante il servizio militare in Italia;[1]
  • qualificazione professionale e inserimento nell'attività lavorativa di coloro che cessano dal servizio militare
  • provvidenze per gli infortuni subiti e per le infermità contratte in servizio e per causa di servizio;
  • attività assistenziali, culturali, ricreative e di promozione sociale, anche a favore dei familiari del personale militare;
  • organizzazione delle sale convegno e delle mense;
  • condizioni igienico-sanitarie e alloggi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ipotesi questa comunque ormai di non freequente applicazione, stante la sospensione delle chiamate al servizio militare di leva in Italia a partire dal 1º gennaio 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]