Sindacato Autonomo di Polizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SAP
Sindacato Autonomo di Polizia
Segretario Gianni Tonelli
Presidente Stefano Paoloni
Stato Italia Italia
Fondazione 1º aprile 1981
Sede Via Cavour, 256, 00184 Roma
Internazionale Comitato Europeo dei Sindacati di Polizia
Basi confederali (in tutta Italia)
Iscritti 20. 000 aderenti (su circa 100.000 poliziotti in tutta italia)
Sito web

Il Sindacato Autonomo di Polizia (SAP) è un'organizzazione di rappresentanza del personale della Polizia di Stato.

Al 2010 secondo l'ANSA contava quasi 20.000 aderenti (su circa 100.000 poliziotti in tutta Italia).[1].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Venne creato nell'aprile del 1981, dopo l'emanazione della legge 1º aprile 1981 n. 121 che realizzò la smilitarizzazione e la trasformazione del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza.

Nasce nell’ambito del movimento per la smilitarizzazione della Polizia, come espressione di quella grande parte di poliziotti che riteneva la politica sindacale delle grandi confederazioni (CGIL, CISL e UIL) inadatta a salvaguardare appieno la peculiarita’ della nostra professione e soprattutto sosteneva l’equidistanza da tutte le forze politiche quale valore irrinunciabile nell’azione di rappresentanza dell’operatore di polizia. La nascita del Comitato Alta Italia per il Sindacato Autonomo di Polizia ad Alessandria, del Movimento Autonomo per la Sindacalizzazione della Polizia a Cagliari e del Movimento Autonomo di Base a Roma, il primo congresso alla Domus Pacis di Roma del novembre ’77, l’appoggio de “il Giornale” di Montanelli e de “il Settimanale”, il sostegno economico di un comitato di cittadini appositamente formatosi, furono i momenti fondamentali di un’evoluzione che porto’ alla nascita formale del SAP in concomitanza con la legge di riforma della Polizia del 1 aprile ’81. Oggi il SAP, che rimane il primo fra i Sindacati Autonomi delle Forze di Polizia, oltre che per tradizione anche per dimensione, e’ una complessa organizzazione che conta circa 20 mila aderenti, con strutture locali in ogni citta’ d’Italia e rappresentanti in tutti gli Uffici di Polizia, una sede nazionale in Roma dove operano il Segretario Generale, i due Segretari Generali Aggiunti e cinque Segretari Nazionali. Organi di direzione sono il Consiglio Nazionale, composto da 100 membri, 31 dei quali formano l’Esecutivo Nazionale. Organi di garanzia sono il Presidente, affiancato da 3 vice, i Sindaci ed i Probiviri. Il SAP e’ fondatore e membro permanente del “C.E.S.P. – Comitato Europeo dei Sindacati di Polizia” – che rappresenta oltre 300 mila poliziotti europei, e della “Consulta dei Sindacati Autonomi di Polizia”, entita’ composta con le omologhe rappresentanze della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato, riferimento per circa 50 mila operatori di polizia italiani. Dall’esperienza del SAP e’ poi nato il S.A.F.O.C. – Sindacato Autonomo delle Forze dell’Ordine in Congedo – che porta gli stessi valori e la medesima impostazione nell’attivita’ di tutela dei nostri colleghi in pensione.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Le sue strutture locali sono diffuse in ogni città d'Italia. La sede nazionale è ubicata a Roma dove operano il Segretario Generale, un Segretario Generale Aggiunto e due Segretari nazionali. L'attuale segretario generale è Gianni Tonelli. Gli organi di garanzia sono: il Presidente, affiancato dal Vicepresidente, i sindaci ed i probiviri. [2]

Il SAP, inoltre, è fondatore e membro permanente del Comitato Europeo dei Sindacati di Polizia (C.E.S.P.), al quale aderiscono altre associazioni sindacali autonome di Polizia, che rappresenta oltre 300 000 poliziotti europei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]