Distomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Distomo
frazione
Δήμος
Distomo – Veduta
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
PeriferiaGrecia Centrale
Unità perifericaBeozia
ComuneDistomo-Arachova-Antikyra
Territorio
Coordinate38°26′N 22°40′E / 38.433333°N 22.666667°E38.433333; 22.666667 (Distomo)Coordinate: 38°26′N 22°40′E / 38.433333°N 22.666667°E38.433333; 22.666667 (Distomo)
Altitudine218 m s.l.m.
Abitanti4 368 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale320 05
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Distomo
Distomo
Sito istituzionale

Distomo (in greco Δίστομο) è un ex comune della Grecia nella periferia della Grecia Centrale (unità periferica della Beozia) con 4.368 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

È stato soppresso a seguito della riforma amministrativa, detta Programma Callicrate, in vigore dal gennaio 2011[2] ed è ora compreso nel comune di Distomo-Arachova-Antikyra.

Ai piedi del Parnaso, il luogo è conosciuto per il massacro del 10 giugno 1944, quando oltre 218 abitanti del paese furono trucidati dai nazisti in rappresaglia a un agguato partigiano teso al nemico nella vicina Steíri.

Nel 2000 avvenne una visita inattesa degli ufficiati giudiziari greci al Goethe Institut, l'istituto di cultura tedesco, ad Atene. Gli ufficiali, esaminato e valutato il terreno, l'immobile con tutto il contenuto, annunciarono il pignoramento dell'edificio[3]. Il ricavato del sequestro sarebbe servito a risarcire i parenti dei civili massacrati dai nazisti nel villaggio greco.

Fra l'altro, il massimo tribunale greco confermò la sentenza di Livadia del 1997 che condannava la Germania a pagare 56 milioni di marchi ai parenti delle vittime di Distomo[3] . Il cancelliere Gerhard Schröder protestò con Kostas Simitis, il quale promise di risolvere la complicata situazione. Nel 2015 il governo Tsipras approvò la creazione di un Comitato per domandare a Berlino il risarcimento per l'eccidio di Distomo[4].

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è suddiviso nelle seguenti comunità (i nomi dei villaggi tra parentesi):

  • Distomo (Distomo, Agios Nikolaos, Paralia Distomou)
  • Steiri (Steiri, Hosios Loukas)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2001 (XLS), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ Programma Callicrate (PDF), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
  3. ^ a b (EN) Andy Niklaus, Greek victims of Nazi rule win lawsuit against Berlin, su wsws.org, 8 agosto 2000. URL consultato il 26 aprile 2018.
  4. ^ Ettore Livini, La Grecia pronta a sequestrare i beni tedeschi: "Non paga i danni di guerra", su repubblica.it, 11 marzo 2015. URL consultato il 26 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153771776 · LCCN (ENn96048235 · GND (DE4694814-4 · WorldCat Identities (ENn96-048235
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Grecia