Dimash Kudaibergen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dimash Kudaibergen
Kudaibergen in 2020 (cropped) (49511144297).jpg
NazionalitàKazakistan Kazakistan
GenerePop
Periodo di attività musicale2010 – in attività
Sito ufficiale

Dimash Kudaibergen, pseudonimo di Dinmukhamed Kanatuly Kudaibergen (Kazako: Дінмұхаммед Қанатұлы Құдайберген) (Aqtöbe, 24 maggio 1994), è un cantautore e polistrumentista kazako.

Ha effettuato studi universitari sia in musica classica che contemporanea; si distingue per la precisione nell'attacco delle note, la flessibilità nella dinamica e per il suo registro musicale che si estende per sei ottave e cinque semitoni,[1][2][3] da A1[3][4] a D8.[3][5][6] Questo varia da sotto le note più basse della gamma del basso a ben oltre la nota più alta della gamma del soprano.

Sebbene gli fosse stata offerta una posizione all'Opera di Astana ha preferito una carriera nel panorama musicale contemporaneo, incorporando elementi di musica classica, musica tradizionale kazaka e musica pop.[7]

Ha guadagnato notorietà in Kazakhstan e nei paesi ex-sovietici nel 2015 dopo aver vinto la competizione Slavianski Bazaar a Vitebsk in Bielorussia. È diventato popolare in Cina dopo aver partecipato al programma Singer 2017 del canale Hunan. Ha inoltre acquisito notevole popolarità a livello internazionale in virtù delle sue doti canore che hanno stupito maestri di canto e il pubblico generale, tanto che alcuni lo definiscono un alieno, il miglior cantante al mondo e la voce più bella mai esisitita.[8][9][10]

Nel corso di una esibizione dal vivo nel 2017 è riuscito a cantare un Re nella ottava ottava[11] - D8 secondo la notazione musicale anglosassone - appena sotto il record mondiale per un maschio, che secondo il Guinness dei Primati appartiene al cinese Wang Xiaolong che è riuscito a riprodurre la nota E8 durante una trasmissione televisiva.[12]

Il suo disco di esordio ID, annunciato il 13 giugno 2019 sul suo profilo Instagram ufficiale[13], è diventato disco di platino in soli 37 secondi.[14][15]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dimash nasce da Kanat Kunaibergen Aitbayev (padre) e Svetlana Aitbayeva (madre); entrambi sono cantanti di successo e hanno ricevuto il titolo di Honored Music Artists dal governo del Kazakistan.[16]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019 - ID

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ‘The Six Octave Man’ Astounds With His Range On ‘The World’s Best’, HuffPost. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  2. ^ (RU) Димаш Кудайберген признан Заслуженным деятелем Казахстана, AI News. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  3. ^ a b c ‘The Six Octave Man’ from Kazakhstan Coming To New York, Caspian News. URL consultato il 29 marzo 2020.
  4. ^ Dimash Kudaibergen Love is Like a Dream, Dimash Kudaibergen on YouTube. URL consultato il 22 marzo 2020.
  5. ^ (RU) Первый альбом Димаша Кудайбергена за несколько секунд стал платиновым, Central Asia Monitor. URL consultato il 16 marzo 2020.
  6. ^ Gakku Дауысы 2017 Димаш Құдайберген – Ұмытылмас күн, GAKKU TV on YouTube. URL consultato il 22 marzo 2020.
  7. ^ (EN) Slavic Bazaar 2015 winner Dimash Kudaibergenov invited to work at Astana Opera, su inform.kz. URL consultato il 10 luglio 2019.
  8. ^ (EN) Most Beautful Singing Voices, su thetoptens.com. URL consultato il 20 luglio 2019.
  9. ^ (EN) ‘The Six Octave Man’ Astounds With His Range On ‘The World’s Best’, su huffpost.com. URL consultato il 20 luglio 2019.
  10. ^ Dimash Kudaibergen: è del Kazakistan una delle voci più belle del pianeta, su oltre.tv. URL consultato il 20 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Dimash D8 High note live, su youtube.com. URL consultato il 20 luglio 2019.
  12. ^ (EN) Highest vocal note by a male, su guinnessworldrecords.com. URL consultato il 20 luglio 2019.
  13. ^ (EN) ID, su instagram.com. URL consultato il 10 luglio 2019.
  14. ^ (EN) Dimash Kudaibergen's solo album gains platinum status in a matter of seconds, su inform.kz. URL consultato il 9 luglio 2019.
  15. ^ La voce più bella del mondo, su umbriaoggi.it. URL consultato il 9 luglio 2019.
  16. ^ (EN) History, su dimash.co.uk. URL consultato il 9 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]