Diario di un ladro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diario di un ladro
Diario di un ladro.png
Una scena del film
Titolo originalePickpocket
Lingua originalefrancese
Paese di produzioneFrancia
Anno1959
Durata75 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaRobert Bresson
SoggettoFëdor Dostoevskij
SceneggiaturaRobert Bresson
ProduttoreAgnès Delahaie
FotografiaLéonce-Henri Burel
MontaggioRaymond Lamy
ScenografiaPierre Charbonnier
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Diario di un ladro (Pickpocket) è un film del 1959 diretto da Robert Bresson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Michel è un borsaiolo. Mentre esce dalla pista delle corse dei cavalli, viene improvvisamente arrestato. L'ispettore però lo rilascia poiché non ha abbastanza prove. Il ragazzo, col tempo, entra nel giro dei borseggiatori professionisti che gli insegnano il mestiere e lo invitano a unirsi a loro nei furti in luoghi affollati.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il soggetto del film fa riferimento all'opera Delitto e castigo.

Il ruolo del protagonista è affidato a Martin LaSalle, alla sua prima esperienza cinematografica.

La pellicola è girata interamente a Parigi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche europee a partire dal 16 dicembre del 1959. In Italia non uscì mai nei cinema.

Il titolo italiano deriva da una edizione televisiva, trasmessa nel 1965.[1]

Colonna Sonora[modifica | modifica wikitesto]

In quasi tutti i film di Bresson, l'autore non fa utilizzo di musica, salvo nei titoli di testa e in qualche scena della pellicola (sotto forma diegetica). Il commento sonoro iniziale è ad opera di Johann Caspar Ferdinand Fischer.[2]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il critico Morando Morandini, nel suo dizionario omonimo, assegna all'opera di Bresson quattro stelle su cinque, commentando come sia «ascetico, limpido e misterioso, spoglio eppur prezioso, freddo come un diamante, che lascia libero lo spettatore nell'interpretazione, anche del finale».[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diario di un ladro, su cinematografo.it.
  2. ^ R. Calabretto, Lo schermo sonoro, Roma, Marsilio, 2010
  3. ^ Diario di un ladro, su mymovies.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema