Daughterboard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una scheda sonora con una daughterboard MIDI connessa
Una daughterboard per piattaforme server Inventec con la funzione di controller RAID basata su chipset LSI 1078
Una scheda divenuta un cult negli anni novanta, la Matrox Millennium II con la daughterboard di espansione della VRAM

In elettronica la scheda figlia o daughterboard o daughtercard o mezzanine card o mezzanine board è un tipo di scheda elettronica, dotata di varie combinazioni di chip montati su zoccoli o meno, EEPROM, ROM, RAM o altri tipi di memoria, utilizzata soprattutto nel settore dell'hardware informatico. È progettata per accoppiarsi con una mainboard o un'altra scheda elettronica e funzionare come scheda di espansione.

Le daughterboard spesso presentano uno o più connettori, e talvolta un socket per CPU, e il connettore di aggancio alla scheda di destinazione, frequentemente di tipo proprietario, che le distingue dalle normali schede di espansione (ISA o PCI per esempio). Le daughterboard comunicano con la scheda, cui sono applicate, spesso attraverso un bus. L'altro aspetto che le differenzia dalle normali schede di espansione è che inoltre talvolta contengono connessioni interne ad altri componenti del computer.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Nelle console dei videogiochi a pagamento da locali pubblici venivano usate per montare la ROM che conteneva il codice eseguibile del videogioco.

I processori Pentium II ed i primi Pentium 3 erano forniti saldati su una scheda figlia, comprendente anche i chip della memoria cache di secondo livello (la quale non era dunque integrata nel die del processore). sulla scheda erano montati il dissipatore ed il supporto di fissaggio del dissipatore stesso, conferendo al tutto l'aspetto di una cartuccia, che andava inserita nello Slot 1.

Tipologie[modifica | modifica sorgente]

Alcuni esempi di daughterboard:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]