Daniele Casella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Daniele Casella (Carona, 1557Genova, 23 marzo 1646) è stato uno scultore e architetto svizzero-italiano[1].

È considerato uno dei più importanti scultori della città di Genova nel XVI e XVII secolo[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniele Casella, in Dizionario storico della Svizzera.
  2. ^ Bianchi, Agustoni, 2002, 149-177.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Soprani, Le Vite de' Pittori, Scultori ed Architetti genovesi e de' Forastieri che in Genova operarono, con alcuni ritratti degli stessi, Genova 1674, 295.
  • Raffaele Soprani, G.C. Ratti, Vite de' pittori, scultori ed architetti genovesi, due volimi, Genova 1768-1769, 430.
  • Gian Alfonso Oldelli, Dizionario storico ragionato degli uomini illustri del Canton Ticino, Lugano, 1807-1811, 59-60.
  • Stefano Franscini, La Svizzera Italiana, 2 volumi, Lugano 1837, 406-407.
  • Federico Alizeri, Guida artistica per la città di Genova, 3 volumi, Genova 1846-184, I, 490, II, 295; Idem, Guida illustrativa del cittadino e del forestiero per la città di Genova e sue adiacenze, Genova 1875, 20, 34, 115, 142; Idem, Notizie de' professori del disegno in Liguria dalle origini al secolo XVI, Genova 1880, 64-65.
  • Antonino Bertolotti, Le Belle Arti Svizzere nel secolo XVII, in Bollettino storico della Svizzera italiana, 9, Bellinzona 1885, 190 Idem, Artisti lombardi a Roma nei secoli XV, XVI, XVII. Studi e ricerche negli archivi romani, VI volumi, Bellinzona 1886, 63.
  • Giuseppe Merzario, I Maestri Comacini. Storia artistica di mille duecento anni (600 – 1800), Milano, G. Agnelli, 1893, 228, 297, 386.
  • Pietro Vegezzi, Sulla prima esposizione storica in Lugano in occasione delle feste centenarie dell'indipendenza ticinese 1798-1898, 3 volumi, Lugano 1898-1903, I, 134, 143, III, 131.
  • Cesare Da Prato, Genova. Chiesa di San Siro, Genova 1900, 227.
  • Luigi Augusto Cervetto, I Gaggini da Bissone, loro opere in Genova e altrove, Milano 1903, 172; Idem, Genova e l'Immacolata Genova 1904, 47.
  • E.L. Girard, Daniele Casella, Battista Casella, Giovanni Andrea Casella, in C. Brun Schweizerisches Künstler-Lexikon, volume I, Frauenfeld 1905, 580.
  • Emilio Motta, La costruzione del campanile di Carona (Con altri documenti inediti intorno ad artisti caronesi), in Bollettino storico della Svizzera italiana, XXX, 62-63.
  • Ulrich Thieme, Felix Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Künstler, Lipsia 1912, 109.
  • Luigi Augusto Cervetto, S. Maria delle Vigne nelle feste della sua incoronazione, Genova 1920, 38, 40.
  • Celestino Trezzini,Casella, in Dictionnaire historique et biographique de la Suisse, II volumi, Neuchâtel 1924, 429.
  • Mario Marangoni, I Carloni, Fratelli Alinari, Firenze 1925, 27.
  • Massimo Guidi, Dizionario degli artisti ticinesi, Roma 1932, 82.
  • Carlo Bruzzo, Capitolato, contratti e ordinamento dei lavori per la costruzione delle nuove mura a Genova nel 1630-32, in Atti della Società ligure di storia patria, LXIV, 1935, 1-65.
  • Luigi Brentani, Antichi maestri d'arte e di scuola delle terre ticinesi, IV, Lugano-Como, 1941, 344-347.
  • Mario Labò, S. Siro (I XII Apostoli), Genova 1943, 40-42, 48, 56, 68.
  • Giuseppe Morazzoni, Stucchi italiani. Maestri Genovesi sec. XVI-XIX, Milano 1950, 16.
  • Carlo Ceschi, Architettura romanica genovese, Milano 1954, 71.
  • Luigi Brentani, Antichi maestri d'arte e di scuola delle terre ticinesi, VII, Lugano-Como, 1963, 118.
  • Graziella Colmuto, L'arte del legno in Liguria: A.M. Maragliano (1664-1739), in Momenti di storia e arte religiosa in Liguria, Genova 1963, 200.
  • Enrica Fiandra, Giovanna Terminiello Rotondi, Genova. Itinerari storico-artistici, Genova 1967, 40, 54.
  • Mario Labò, I palazzi di Genova di P.P. Rubens, Genova 1970, 240.
  • William Piastra, Storia della chiesa e del convento di S. Domenico in Genova, Genova 1970, 49-50, 227.
  • Giuliana Algeri, Chiesa di S. Maria delle Vigne, Genova 1975, 9, 11.
  • Venanzio Belloni, Caröggi, Crêuze e Montae, Genova 1975, 159-163.
  • Ezia Gavazza, La Chiesa del Gesù, Genova 1975, 17.
  • Lorenzo Lucattini, Arte e ceramiche del Museo dell'Ospedale di S. Martino a Genova, Genova 1975, 68.
  • Ennio Poleggi, La condizione sociale dell'architetto e i grandi committenti dell'epoca alessiana, in Galeazzo Alessi e l'architettura del Cinquecento, Genova 1975, 368.
  • Armando Di Raimondo, Maestri muratori lombardi a Genova 1596-1637, Genova 1976, 24.
  • Emmanuel Bénézit, Ad vocem, in Dictionnaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs, Parigi 1976, 574.
  • Fiorella Caraceni, Chiesa e loggia di Banchi, Genova 1976, 6, 13.
  • Luigi Alfonso, Liguri Illustri. I Carlone a Genova,in "La Berio", 1-2, Genova 1977, 43-98.
  • Graziella Colmuto Zanella, Casella, in Dizionario biografico degli italiani, XI, Roma 1978, 291-292.
  • Rosa Lopez Torrijos, Obras de los Carlone en España, in Goya, 158, 1980, 83.
  • Armando Di Raimondo, Luciana Müller Profumo, Bartolomeo Bianco a Genova: la controversa paternità dell'opera architettonica tra '500 e '600, Genova 1982, 128. 134.
  • Luigi Alfonso, Tomaso Orsolino e altri artisti di "Natione Lombarda" a Genova e in Liguria dal sec. XIV al sec. XIX, Genova 1985, ad indicem.
  • Elena Parma Armani, Una svolta internazionale, in AA.VV., La Scultura a Genova e in Liguria. Dalle origini al Cinquecento, volume I, Campomorone 1987, 345.
  • Maria Clelia Galassi, Organizzazione e funzioni delle botteghe, in Ibidem, 1988, 46-67; Idem, I Casella da Carona, in Ibidem, 1988, 82-83.
  • Venanzio Belloni, La grande scultura in marmo a Genova (secoli XVII e XVIII), Genova 1988, 10-12.
  • Luigi Alfonso, Mecenatismo e arte in S. Maria delle Vigne (sec. XVII-XVIII), in Studi genuensi, 9, Genova 1991, 25.
  • Rinangelo Paglieri, L. Lodi, Chiesa di S. Siro, in L. Pittarello (a cura di), Luoghi del Seicento genovese. Spazi architettonici, spazi dipinti, Genova 1992, 30, 32, 36, 41, 21.
  • Rinangelo Paglieri, Nadia Pazzini Paglieri, Chiese barocche a Genova e in Liguria, Genova 1992, 89, 147.
  • Battista Cetti, Vita e opere dei maestri comacini, Milano 1993, 38.
  • Alessandro Giacobbe, Casella, ad vocem in Dizionario biografico dei liguri, Genova 1996, 44-45.
  • Dankmar Trier, Casella, ad vocem, in Allgemeines Künstler Lexikon, Lipsia-Monaco 1996, 86.
  • Massimo Bartoletti, Laura Damiani Cabrini, I Carloni di Rovio, Lugano 1997, 84, 161.
  • C. Cerisola, La chiesa di Santa Maria delle Vigne: vicende storiche, committenze, scelte iconografiche del decoro, Università degli Studi di Genova, facoltà di Lettere e Filosofia, tesi di laurea (dattiloscritto), Genova 1997-1998, 32; Idem, Santa Maria delle Vigne a Genova. Daniele Casella e altri maestri lombardi, in Arte Lombarda, Cinisello Balsamo 2000, 59-61.
  • Federica Bianchi, Edoardo Agustoni, I Casella di Carona, in Collana Artisti del laghi. Itinerari europei, numero 6, Editrice Fidia, Lugano 2002.
  • Giorgio Mollisi, La Genova dei Ticinesi. Gli artisti provenienti dal Ticino a Genova dal Medioevo al Settecento, in Arte&Storia, anno 5, numero 20, Edizioni Ticino Management, Lugano 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]