Daniel Faraldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Daniel Faraldo (4 novembre 1949) è un attore e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Daniel Faraldo nasce in Argentina, dove frequenta l'Università di Buenos Aires. All'età di diciassette anni si trasferisce a New York per studiare con Lee Strasberg[1] e Stella Adler. Inizia la sua carriera come attore nel 1976[2].

Durante la sua carriera, interpreta ruoli sia cinematografici che televisivi. Tra i suoi ruoli, interpreta Tony Silvano nel lungometraggio Nico[3].

Nel 1990 ha la parte principale della rappresentazione How Did It Feel...?, presentato per la prima volta al Gnu Theatre[4]. Nel 1993 nello spettacolo Ballad of the Blacksmith come St. Peter[5] e nel 1998 in Eyes for Consuela, nella parte di Amado[6].

Debutta come sceneggiatore nel 2004 con l'opera audiovisiva How Did It Feel?, dove è anche regista. Dal 2010 collabora con il regista catalano Ramon Térmens alla realizzazione del lungometraggio Negro Buenos Aires come sceneggiatore, per cui ottiene una candidatura ai Gaudí Awards[7]. L'anno successivo producono assieme il film Catalunya Über Alles! e nuovamente nel 2013 con The Evil That Men Do, in cui Faraldo è il protagonista Santiago[8].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema
Televisione

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Ballad of the Blacksmith, regia di Mercedes Rain e Jorge Curi (1993)
  • Eyes for Consuela, regia di Terry Kinney (1998)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Daniel Faraldo è stata doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Yago García, El hombre que asustó a Steven Seagal, cinemania.elmundo.es, 18 febbraio 2016. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  2. ^ a b (EN) Daniel Faraldo, segarrafilm.eu. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  3. ^ Mick Martin, Video Movie Guide 1996, Ballantine Books. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  4. ^ (EN) T.H. McCulloch, 'How Did It Feel . . .?' at Gnu; 'A Memory' and 'Action' at Court; One-Acts at Beverly Hills; 'Snarl' at Globe; 'Voices' at Embassy, articoles.latimes.com, 26 gennaio 1990. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) John A. Willis, Theatre World, Crown Publishers, 1996.
  6. ^ (EN) Ben Brantley, THEATER REVIEW; When Love Is Blinding As Well As Blind, in New York Times, nytimes.com, 11 febbraio 1998. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  7. ^ a b (ES) Nominades - II Premis Gaudí, academiadelcinena.cat. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Jonathan Holland, ‘The Evil That Men Do’: Film Review, in The Hollywood Reporter, hollywoodreporter.com, 29 febbraio 2016. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  9. ^ a b (ES) Nominees - IV Gaudí Awards, academiadelcinema.cat. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  10. ^ (EN) The Red Man, cinando.com. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  11. ^ Nico, antoniogenna.net. URL consultato il 1° ottobree 2018.
  12. ^ Alias, antoniogenna.net. URL consultato il 1° ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]