Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Raphanus sativus var. longipinnatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Daikon)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Raphanus sativus var. longipinnatus
Daikon.Japan.jpg
Raphanus sativus var. longipinnatus al supermercato
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Raphanus
Specie R. sativus
Varietà R. sativus var. longipinnatus
Nomenclatura trinomiale
Raphanus sativus var. longipinnatus
L.H. Bailey
Nomi comuni
  • ravanello bianco, ravanello cinese, ravanello coreano, ravanello giapponese, o ravanello invernale
Raphanus sativus var. longipinnatus
Nome cinese
Cinese tradizionale 白蘿蔔
Cinese semplificato 白萝卜
Hanyu Pinyin bái luóbo
Wade-Giles pai luo-po
Nome giapponese
Kanji 大根
Rōmaji daikon
Nome coreano
Hangŭl 흰무
Hanja
Latinizzazione riveduta huinmu
McCune-Reischauer hŭinmu

Raphanus sativus var. longipinnatus L.H. Bailey (letteralmente "grossa radice") è una varietà del ravanello comune originaria dell'Asia orientale.

Anche se ci sono molte varietà di daikon, la più comune in Giappone, la aokubi daikon, ha la forma di una grossa carota, di circa 20–35 di lunghezza, e di 5–10 cm di diametro.

Il daikon ha un ruolo importante nella cucina giapponese. Il daikon crudo può essere servito in insalata, come guarnizione per piatti di sashimi, oppure marinato in aceto. Il daikon grattugiato, conosciuto come daikon oroshi, è popolare come guarnizione per piatti come lo yakizakana o il natto. Il daikon cotto è spesso servito come ingrediente nelle zuppe di miso o in stufati come l'oden.

Il daikon è un ingrediente importante anche in altre cucine orientali, come quella coreana, cinese, vietnamita o indiana.

Il daikon contiene alti quantitativi di vitamina C e l'enzima mirosinasi. Tale enzima viene utilizzato dalla pianta di daikon, ed in genere dai rafani e dalle brassicacee, per difendere i propri tessuti dagli attacchi dei parassiti o dagli erbivori. L'azione di tale enzima permette di scindere la sinigrina, formando glucosio, solfato acido di potassio e isotiocianato di allile.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]