Cristoforo da Tolentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cristoforo da Tolentino (... – Treviso, 24 luglio 1462) è stato un condottiero italiano, figlio di Niccolò da Tolentino, della famiglia marchigiana dei Mauruzi della Stacciola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio naturale legittimato da papa Martino V nel 1430 e primo di tre fratelli, seguì le orme del padre e assunse la signoria di Tolentino, tenendola dal 1434 al 1439.

Per i veneziani difese il castello di Verona nel 1438 e combatté a Casalmaggiore (1446). Per le sue vittorie ottenne da Venezia in premio i castelli di San Polo e di Aviano, che restarono di proprietà della famiglia fino all'estinzione, allorquando passarono ai Gabrieli di Venezia.

Da suo fratello Baldovino (Baldo) discese il ramo dei Montenovo, con il capostipite Cristoforo, che combatté nella battaglia di Lepanto (1571).

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Cristoforo sposò Tora Tarlati di Arezzo ed ebbero un figlio, Lancellotto (?-1506), uomo d'armi al servizio dei veneziani.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri di Italia. Mauruzi di Tolentino, 1841.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri di Italia. Mauruzi di Tolentino, 1841.