Costa di Trex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costa di Trex
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Comune Assisi-Stemma.png Assisi
Territorio
Coordinate 43°05′16″N 12°39′53″E / 43.087778°N 12.664722°E43.087778; 12.664722 (Costa di Trex)Coordinate: 43°05′16″N 12°39′53″E / 43.087778°N 12.664722°E43.087778; 12.664722 (Costa di Trex)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 06081
Prefisso 075
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Costa di Trex
Costa di Trex

Costa di Trex è una frazione del comune di Assisi (PG).

La minuscola frazione si trova sul lato nord-orientale delle pendici del monte Subasio, a 573 m s.l.m. e 4 km dal capoluogo, raggiungibile attraverso strade comunali dissestate e soprattutto grazie alla strada provinciale 249 che da Assisi passa per Armenzano e conduce a Spello. La costa si affaccia sulle valli solcate dal fiume Tescio e dal fosso Marchetto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'epoca romana, la zona montagnosa di Assisi, circostante il monte Subasio, costituiva il serbatoio agricolo della città, in quanto la pianura della Valle Umbra era occupata da paludi e dai resti dell'antico lacus umber.

Il toponimo è menzionato per la prima volta nella bolla di Onorio III, del 1217: egli riconosce al vescovo della città assisiate il diritto su diverse chiese della diocesi, tra cui anche Sanctus Iohannes de Trecaso.

Il censimento del 1232 accredita alla balia 60 focolari (cioè 60 famiglie), su un totale del contado di 2.255 focolari suddivisi in 50 balie.

Altri nomi dell'epoca sono Tre Casci, Costa delle Tre Case, Balia Coste Trecasci, cappelam Sancte Marie de Tricaso.

Il catasto del 1354 gli assegna le chiese di S. Stefano di Perlici, S. Andrea, S. Maria de Tricasu, S. Cristoforo, S. Lorenzo, S. Cristoforo e Sanctus Iohannes de Trecaso. Inoltre, vi si trovava l'Ospedale dell'Acqua Viva.

Nel 1304 fu costruito un acquedotto, detto di Frate Elia, lungo più di 9 km e utilizzato per rifornire d'acqua la città di Assisi.

Intorno al 1880, grazie alla scoscesità dei luoghi, vi trovarono rifugio alcune bande di briganti, tra cui anche quella del temuto Cinicchia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di S. Stefano (XI secolo), che conserva un'urna funeraria in travertino, risalente al periodo I secolo a.C.-I secolo d.C.: reca delle belle decorazioni e la criptica scritta "Cutameia Celidon".
  • Chiesa di S. Bartolomeo.
  • Chiesa di S. Lorenzo.
  • Fonte del Sanguinone, nota fin dal 1128, che fornisce l'acqua al paese, dopo averla fornita per secoli anche alla città di Assisi, in particolare alla fabbrica e basilica di San Francesco e a tutto il Sacro Convento.
  • Fonte Maddalena.
  • Forra del fosso del Marchetto.

Economia e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nei dintorni si trovano diversi agriturismi. In passato, una grande cava di calcare ora dismessa, ha lasciato una cicatrice bianca ben visibile sul fianco della montagna.

Il 24 giugno si festeggia San Giovanni, con le tradizionali abluzioni di acqua profumata con petali di fiori ed erbe.

Ad agosto viene organizzato il Raduno degli Amici della Montagna e a novembre la Rassegna del Vino Novello.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno viene organizzata la gara podistica "Costa di Trex in Corsa", un Trail Running di circa 16 km.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Santucci, Costa di Trex.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]