Come Around Sundown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Come Around Sundown
Artista Kings of Leon
Tipo album Studio
Pubblicazione 18 ottobre 2010(Regno Unito)
19 ottobre 2010 (Nord America)[1]
Durata 47 min : 26 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Rock
Etichetta RCA
Produttore Angelo Petraglia e Jacquire King
Registrazione 2010 - Avatar Studios (New York)[2]
Certificazioni
Dischi d'oro Austria Austria[8]
(Vendite: 10.000)

Belgio Belgio[9]
(Vendite: 15.000)

Stati Uniti Stati Uniti[10]
(Vendite: 500.000)
Dischi di platino Australia Australia[3]
(Vendite: 70.000)

Irlanda Irlanda (3)[4]
(Vendite: 45.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(Vendite: 15.000)

Polonia Polonia[6]
(Vendite: 20.000)[7]
Kings of Leon - cronologia
Album precedente
(2008)
Album successivo

Come Around Sundown è il quinto album della band Kings of Leon, pubblicato ad ottobre del 2010.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato annunciato con largo anticipo, all'inizio di agosto del 2010,[11] e accompagnato da aspettative molto elevate, soprattutto a seguito del grande successo commerciale ottenuto dal precedente lavoro discografico dei Kings of Leon, Only by the Night.[12] Il lancio del disco è stato anticipato dal singolo Radioactive, che ha debuttato nelle radio del Regno Unito l'8 settembre 2010[13] ed in quelle americane il 13 settembre 2010.[14] Diversi brani di Come Around Sundown sono stati inoltre eseguiti dalla band nel corso dei concerti del precedente tour, come ad esempio Mary, Immortals, Radioactive e Southbound.[11][15] Il leader del gruppo ha spiegato questa scelta in un'intervista:[16]

« Andare a suonare dal vivo senza inserire in scaletta le nuove canzoni ci farebbe sentire con le mani legate. Non ho voglia di tornare in tour e fare una copia esatta di quanto fatto nel corso della passata stagione. E poi suonare le nuove canzoni è una grande fonte di ispirazione: non solo ti permette di rodare dal vivo le nuove composizioni e sottoporle al giudizio del tuo pubblico, ma è anche un piacevole diversivo per chi ci ascolta »

aggiungendo anche che

« le reazioni dei fan ai pezzi nuovi sono sempre state di entusiasmo e curiosità »

Il singolo di lancio dell'album è stato giudicato un punto di stacco rispetto al rock da stadio del precedente album e rispetto ai canoni del rock contemporaneo, grazie soprattutto al refrain ed al ritornello, caratterizzato da un coro gospel.[17][18] All'interno del disco vengono però toccati anche altri generi, come il post-punk di The Immortals e Pony Up, il country di Back Down South, arrivando addirittura al doo-wop stile anni cinquanta di Mary.[18] Al fine di "espandere" il suono della band, all'interno dei brani del disco sono presenti strumenti nuovi rispetto a quelli precedentemente usati, come ad esempio la tromba. A tal proposito, Caleb Followill ha dichiarato: «penso che ognuno di questi suoni contribuisca realmente a completare la canzone».[11]

Secondo quanto dichiarato da Nathan Followill, il disco è stato realizzato senza pensare alla necessità di reggere il confronto con Only by the Night. Il musicista ha inoltre aggiunto che è stato proprio il successo del precedente album a dare alla band il coraggio di pubblicare brani come Mary o Back Down South.[18]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Caleb Followill, Nathan Followill, Jared Followill, Matthew Followill[19].

  1. The End – 4:24
  2. Radioactive – 3:26
  3. Pyro – 4:10
  4. Mary – 3:25
  5. The Face – 3:28
  6. The Immortals – 3:28
  7. Back Down South – 4:01
  8. Beach Side – 2:50
  9. No Money – 3:05
  10. Pony Up – 3:04
  11. Birthday – 3:15
  12. Mi Amigo – 4:06
  13. Pickup Truck – 4:44

Durata totale: 47:26

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

In Regno Unito il disco è entrato in classifica direttamente al primo posto, con oltre 49.000 copie vendute on-line e circa 183.000 totali, diventando così il disco con il più alto numero di copie vendute in una settimana durante il 2010.[20] L'album si è posizionato subito in vetta alla classifica di vendita anche in Canada, con circa 26.000 copie vendute nei primi 7 giorni.[21] Un simile risultato è stato ottenuto anche in Australia, dove il disco ha subito ottenuto il primo posto con 26.463 copie vendute.[22] Come Around Sundown è inoltre entrato direttamente al primo posto anche nelle classifiche di Svizzera,[23] Austria,[24] Nuova Zelanda,[25] Irlanda[26] e nelle Fiandre.[27]

Negli Stati Uniti d'America l'album ha esordito al secondo posto della classifica Billboard 200, con circa 184.000 copie vendute in 7 giorni.[28]

Classifica (2010) Posizione
massima
Australia[29] 01 1
Austria[24] 01 1
Belgio (Fiandre)[27] 01 1
Belgio (Vallonia)[30] 07 7
Canada[21] 01 1
Danimarca[31] 03 3
Finlandia[32] 11
Francia[33] 27
Germania[34] 01 1
Grecia[35] 07 7
Irlanda[26] 01 1
Italia[36] 16
Messico[37] 09 9
Norvegia[38] 03 3
Nuova Zelanda[25] 01 1
Paesi Bassi[39] 02 2
Polonia[40] 01 1
Portogallo[41] 03 3
Regno Unito[42] 01 1
Repubblica Ceca[43] 02 2
Spagna[44] 07 7
Stati Uniti d'America[45] 02 2
Svezia[46] 10
Svizzera[23] 01 1
Ungheria[47] 40

Classifica italiana[modifica | modifica wikitesto]

Classifica italiana degli album[48]
Settimana 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
Posizione
16
32
45
61
-
87
-
-
-
-
-
86
78
-
93
80
96

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) COME AROUND SUNDOWN SET TO BE RELEASED OCTOBER 19, 2010, www.kingsofleon.com, 5 agosto 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  2. ^ Kings of Leon: guarda qui il video del nuovo singolo 'Radioactive', www.rockol.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  3. ^ (EN) ARIA TOP 50 Albums Chart. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  4. ^ (EN) 2010 Certification Awards - Multi Platinum, www.irishcharts.ie. URL consultato il 3 giugno 2011.
  5. ^ (EN) Top 40 Albums, Monday 29 November 2010, RIANZ. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  6. ^ (EN) sales for the period 22.11.2010 - 28.11.2010, OLIS. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  7. ^ (EN) International Certification Award levels, IFPI, settembre 2010. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  8. ^ Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  9. ^ (FR) LES DISQUES D'OR/DE PLATINE - 2010, www.ultratop.be. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  10. ^ (EN) Gold & Platinum - Search results, RIAA. URL consultato il 12 marzo 2011.
  11. ^ a b c (EN) Jason Lipshutz, Kings of Leon Announce New Album, 'Come Around Sundown', Billboard, 4 agosto 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  12. ^ Giampiero Di Carlo, Recensioni dischi, recensioni musica e concerti - Kings Of Leon - COME AROUND SUNDOWN - Rca (CD), www.rockol.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  13. ^ (EN) Kings Of Leon stream new track 'Radioactive' - video, New Musical Express, 8 settembre 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  14. ^ (EN) Come Around Sundown- RADIOACTIVE, www.kingsofleon.com, 1 settembre 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  15. ^ Kings of Leon, nuovo album: indiscrezioni sulla data d'uscita e sul titolo, www.rockol.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  16. ^ Kings of Leon, ancora nuove canzoni nelle scalette dei concerti, www.rockol.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  17. ^ (EN) Evan Lucy, Kings of Leon, "Radioactive", Billboard, 7 settembre 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  18. ^ a b c I Kings of Leon, un album da record, Tgcom, 22 ottobre 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  19. ^ Come Around Sundown - KINGS OF LEON, www.mondadorishop.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  20. ^ Classifiche UK, i Kings Of Leon debuttano al numero 1. In Top 10 anche i Beatles, www.rockol.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  21. ^ a b (EN) John Williams, Kings of Leon rise to No. 1, jam.canoe.ca, 27 ottobre 2010.
  22. ^ (EN) Tom Eames, Kings of Leon help Australia album sales, www.digitalspy.co.uk, 29 ottobre 2010.
  23. ^ a b Andamento dell'album in Svizzera, hitparade.ch. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  24. ^ a b Andamento dell'album in Austria, austriancharts.at. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  25. ^ a b Andamente dell'album in Nuova Zelanda, charts.org.nz. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  26. ^ a b (EN) TOP 75 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 21 October 2010 (Irlanda), www.chart-track.co.uk. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  27. ^ a b Andamento dell'album nella classifica del Belgio - Fiandre, www.ultratop.be. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  28. ^ (EN) Keith Caulfield, Sugarland Tops Kings of Leon on Billboard 200, Billboard, 27 ottobre 2010. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  29. ^ Andamento dell'album nella classifica australiana, australian-charts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  30. ^ Andamento dell'album nelle classifiche in Belgio (Vallonia), www.ultratop.be. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  31. ^ Andamento dell'album nella classifica della Danimarca, danishcharts.com. URL consultato il 7 novembre 2010.
  32. ^ Andamento dell'album nella classifica della Finlandia, finnishcharts.com. URL consultato il 7 novembre 2010.
  33. ^ Andamento dell'album nella classifica della Francia, lescharts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  34. ^ DEUTSCHE CHARTS - ALBEN TOP 10 29.10.2010, germancharts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  35. ^ Andamento dell'album nella classifica greca, greekcharts.com. URL consultato il 9 novembre 2010.
  36. ^ Classifica settimanale dal 18/10/2010 al 24/10/2010, FIMI. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  37. ^ Andamento dell'album nella classifica del Messico, mexicancharts.com. URL consultato il 7 novembre 2010.
  38. ^ Andamento dell'album nella classifica della Norvegia, norwegiancharts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  39. ^ Andamento dell'album nelle classifiche dei Paesi Bassi, dutchcharts.nl. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  40. ^ Oficjalna lista sprzedaży, OLIS - Official Retail Sales Chart. URL consultato il 7 novembre 2010.
  41. ^ Andamento dell'album nelle classifiche del Portogallo, portuguesecharts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  42. ^ Andamento dell'album nella classifica del Regno Unito, www.chartstats.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  43. ^ Andamento dell'album nella classifica della Repubblica Ceca, www.ifpicr.cz. URL consultato il 7 novembre 2010.
  44. ^ Andamento dell'album nella classifica della Spagna, spanishcharts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  45. ^ L'album nelle classifiche di Billboard, Billboard. URL consultato il 7 novembre 2010.
  46. ^ Andamento dell'album nella classifica della Svezia, swedishcharts.com. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  47. ^ Archívum - Slágerlisták, MAHASZ - Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége. URL consultato il 7 novembre 2010. - Consultare la classifica della settimana 42 del 2010
  48. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Classifiche
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica