Cima Dorlier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Cima Dorlier
Cima Dorlier from Cima Saurel.png
Vista dalla Cima Saurel
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaTorino Torino
Altezza2 757 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°52′43.1″N 6°49′36.73″E / 44.87864°N 6.82687°E44.87864; 6.82687Coordinate: 44°52′43.1″N 6°49′36.73″E / 44.87864°N 6.82687°E44.87864; 6.82687
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima Dorlier
Cima Dorlier
Mappa di localizzazione: Alpi
Cima Dorlier
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Cozie
SottosezioneAlpi del Monginevro
SupergruppoCatena Bric Froid-Rochebrune-Beal Traversier
GruppoGruppo Ramière-Merciantaira
SottogruppoSottogruppo del Merciantaira
CodiceI/A-4.II-B.4.b

La cima Dorlier è una montagna di 2.757 m s.l.m.[1] delle Alpi del Monginevro, nelle Alpi Cozie. È situata nella Città Metropolitana di Torino.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La cima della montagna

La montagna costituisce il principale rilievo del costolone che, staccandosi dalla catena principale alpina nei pressi della Cima Dormillouse, divide il solco principale della Val Thuras (valle laterale della Val di Susa) dal vallone laterale del torrente Chabaud, ad ovest della cima. Amministrativamente ricade nel comune di Cesana Torinese.

Accesso alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Salita estiva[modifica | modifica wikitesto]

La cresta sud.

La salita da Rhuilles, in comune di Cesana, passando per il vicino Monte Giassez, è valutata di difficoltà EE.[2]

Salita invernale[modifica | modifica wikitesto]

La montagna rappresenta una meta scialpinistica adatta a Buoni Sciatori (BS).[3]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Felice Bosazza, G.L. Borzone, Touring club italiano, 1900, pp. 117. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  2. ^ utente Bengia, Dorlier (Cima) da Rhuilles per il Monte Giassiez, su gulliver.it, 17-3-2010. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  3. ^ Dorlier (Cima) da Thures, su gulliver.it, 31-01-2010. URL consultato il 23 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]