Chiesetta di Sant'Adalberto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Sant'Adalberto
Chiesetta di Sant'Adalberto.png
StatoSvizzera Svizzera
CantoneTicino
LocalitàMonteggio
Religionecattolica
Diocesi Lugano
Stile architettonicoRomanico, barocco
Inizio costruzionesecolo XIII (come cappella dei feudatari Sessa)
Completamento1709

La chiesetta-oratorio di Sant'Adalberto[1], a Castello, è la cappella del Castello d'Albio, con le pietre del quale è stata ricostruita dopo un saccheggio subìto nel 1511. Si trova nel comune svizzero di Monteggio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia della cappella, però, è più antica: sorta come cappella di famiglia dei Sessa, feudatari di Monteggio e Sessa, e da principio dedicata a San Carpoforo, è sicuramente anteriore al XIII secolo, quando - nei documenti della corte di Federico II - veniva citata appunto col nome originario. Una successiva menzione risale invece al 1428. Dopo la conquista svizzera del Malcantone, però, i Sessa abbandonarono il castello e la cappella, che fu notevolmente danneggiata nell'invasione. La chiesa, quindi, fu ricostruita nel 1692 con una struttura - dotata di una volta a botte in alcuni tratti e a crociera in altri - profondamente diversa da quella romanica originaria[2], della quale rimangono tuttavia nel muro settentrionale, dotato di lesene[2]. Dopo la ricostruzione secentesca la chiesa fu dedicata a Sant'Adalberto e diventò abbazia, ottenendo il diritto di prelatura, del quale risultano attestazioni nel 1709. Un ultimo restauro, infine, risale al XIX secolo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Negli interni va segnalato l'altare, con una pala che rappresenta Maria e i santi titolari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La chiesetta di Sant'Adalberto, su Inventario dei beni culturali, 5 marzo 2013. URL consultato il 15 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2013).
  2. ^ a b Anderes, 1980, 251.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980.
  • Giovanni Maria Staffieri, "Monteggio", in Malcantone. Testimonianze culturali nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985, 49.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 412.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Oratorio di Sant'Adalberto, su Inventario Beni Culturali, 5 marzo 2013. URL consultato il 15 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2013).