Chiesa di Santa Maria della Misericordia (Ascona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria della Misericordia
Tessin 05 2006 226.jpg
Chiesa di Santa Maria della Misericordia: Viale d'ingresso
StatoSvizzera Svizzera
CantoneTicino
LocalitàAscona
ReligioneCattolica
TitolareMaria
Diocesi Lugano
Consacrazione1442
Stile architettonicotardogotico,
Inizio costruzione1399
Completamentosecolo XVII

Coordinate: 46°09′18.62″N 8°46′15.12″E / 46.155172°N 8.770867°E46.155172; 8.770867

La chiesa di Santa Maria della Misericordia[1] è un edificio religioso tardogotico che si trova ad Ascona. Al suo interno sono di rilievo gli affreschi, anch'essi tardogotici, che costituiscono uno dei cicli di pitture murali più estesi della Svizzera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione dell'edificio iniziò il 15 novembre 1399, ma la consacrazione arrivò solo il 23 ottobre 1442. Quasi mezzo secolo più tardi, nel 1488, all'edificio fu aggiunto un campanile.[2]. Fra il 1510 e il 1584 la chiesa fu amministrata da due frati dell'Ordine domenicano, fra' Nicola e fra' Paolo, che aggiunsero alla struttura preesistente un convento. Poi, per volontà di Carlo Borromeo e su disposizione di papa Gregorio XIII, il convento ospitò un seminario, divenuto poi il Collegio Papio[3]. Nel XVIII secolo all'edificio fu aggiunto un portico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 6-9.
  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Virgilio Gilardoni, I monumenti d'arte e di storia del Canton Ticino, Volume II L'alto Verbano - Il Circolo delle Isole (Ascona, Ronco, Losone e Brissago), Birkäuser Verlag, Basilea 1979, 96, 128-158.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 156-158.
  • Virgilio Gilardoni (a cura di), Fonti per la storia di un borgo del Verbano: Ascona, Bellinzona 1980, 335-373.
  • Jean Soldini, Il ciclo dell'Antico Testamento nella chiesa di Santa Maria della Misericordia ad Ascona, in «Unsere Kunstdenkmäler», 1983, n. 3, 314-321.
  • Fridolin Segmüller, Il Pontificio Collegio Papio in Ascona, Ascona 1984.
  • AA.VV, Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 196-197.
  • Gianluigi Bellei, Il Rinascimento nelle terre ticinesi, in «Azione» del 3 maggio 2010.
  • Davide Mirabile, Giovanni Antonio da Montonate, in Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Marco Tanzi (a cura di), Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini, Officina Libraria, Milano 2010, 108-111.
  • Silvia Valle Parri, Giovanni Agostino da Lodi e Giovanni Antonio De Lagaia. Angelo annunciante; Assunzione della Vergine. Giovanni Antonio De Lagaia. Madonna della Misericordia, in Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Marco Tanzi (a cura di), «Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini», Officina Libraria, Milano 2010.
  • Anastasia Gilardi, Mysterium Crucis. Antiche sante croci del Canton Ticino, in Angelo Crivelli (a cura di), catalogo della mostra, Lugano 2010, 233-235.
  • Silvia Valle Parri, Ascona. Santa Maria della Misericordia, in Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Marco Tanzi (a cura di), «Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini. Itinerari», Officina Libraria, Milano 2010.
  • Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Giovanni Agostino da Lodi. Adorazione dei Magi, in Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Marco Tanzi (a cura di), «Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini. Officina Libraria, Milano 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]