Chiesa di San Stanislao

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la chiesa situata in via delle Botteghe Oscure (rione Sant'Angelo), vedi Chiesa di Santo Stanislao dei Polacchi.
Chiesa di San Stanislao
Don Bosco - S. Stanislao 02.JPG
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareStanislao di Cracovia
Diocesi Roma
Consacrazione16 giugno 1991
CompletamentoXX secolo

La chiesa di San Stanislao è un luogo di culto cattolico di Roma, nel quartiere Don Bosco, in viale Rolando Vignali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa fu costruita nel XX secolo e consacrata il 16 giugno 1991 da papa Giovanni Paolo II in visita alla parrocchia.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita dal cardinale vicario Ugo Poletti il 15 marzo 1982 con il decreto È a tutti noto.

La chiesa è stata officiata dal clero della diocesi di Patti dalla fondazione della parrocchia fino al 2006.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esternamente la chiesa si presenta come un basso edificio in cemento armato a vista, preceduto da un ampio portico ed affiancato da una torre campanaria, composta da due stele affiancate di cemento armato, al cui interno sono collocate tre piccole campane; e sormontata da una croce in ferro battuto con i bracci che si concludono con cerchi. All'interno una serie di travi dividono la volumetria in quattro parti scatolate. Nei pressi dell'entrata è posta una statua bronzea di San Pio da Pietrelcina. Sulla facciata dell'edificio si legge l'iscrizione dedicatoria: D.O.M. in h(onorem) S. Stanislai A.D. MCMXCI.

Il progetto fu realizzato dall'ufficio tecnico del Vaticano diretto dall'ingegnere Ernesto Vichi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Cerchiai, Quartiere XXIV. Don Bosco, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]