Chiesa di San Nicolò (Coreglia Ligure)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Nicolò
Coreglia Ligure-IMG 0575.JPG
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàCoreglia Ligure
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Diocesi Chiavari
Inizio costruzione1667

Coordinate: 44°23′18.51″N 9°15′47.33″E / 44.388475°N 9.263147°E44.388475; 9.263147

La chiesa di San Nicolò è un luogo di culto cattolico di Coreglia Ligure, situato in via Villa. La chiesa è sede della parrocchia omonima del vicariato di Cicagna della diocesi di Chiavari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima citazione ufficiale dell'edificio, intitolato a san Nicolò, è risalente in un documento del 22 maggio 1147 dove l'arcivescovo di Genova, Siro, concedeva al conte di Lavagna Berengario della Torre la riscossione delle decime delle chiese di Coreglia e Canevale.

I primi interventi di ampliamento e ricostruzione furono eseguiti nel 1667, anche se già nel 1616 l'architetto Matteo Lagomaggiore ne provvedeva a stabilire la somma utile per la costruzione del coro. Originariamente ad unica navata con cinque altari laterali, in marmo secondo un documento del 1171, fu nel XIX secolo divisa in tre navate e sette altari laterali; ulteriori lavori di allungamento nel 1862 prolungarono la chiesa negli attuali 11 metri, con larghezza complessiva di 14 metri e 7,8 metri di presbiterio.

Nel pomeriggio del 24 settembre 2008[1] un incendio ha interessato la copertura sia della chiesa che dell'attigua sagrestia danneggiando seriamente arredi sacri e opere d'arte.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'abside sono presenti diversi cicli di affreschi della seconda metà dell'Ottocento: la Resurrezione nel lato sinistro, Nicolò vescovo porge a Cristo un modello della chiesa nel catino absidale, l'Annunciazione nel lato destro e l'eucaristia circondata dagli angeli nella volta. È inoltre presente nel pulpito una cassa processionale dell'arca di san Giuseppe con la Sacra Famiglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rogo devasta la canonica ore di paura, danni ingenti, su ilsecoloxix.it. URL consultato il 16 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]