Carlo Giuseppe Ratti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua a Carlo Giuseppe Ratti - Savona, giardini di piazza del Popolo

Carlo Giuseppe Ratti (Savona, 1737Genova, 1795) è stato un pittore italiano del Settecento che operò soprattutto in Liguria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Giovanni Agostino Ratti, nella sua carriera di pittore ha prodotto quadri di soggetto sacro e profano che ornano chiese, oratori e palazzi di Savona e Genova. Si recò a Roma ove conobbe Pompeo Batoni e Anton Raphael Mengs che lo aiutò a diventare direttore dell'Accademia di Milano. Lavorò a Genova a Palazzo Reale, Palazzo Rosso e Palazzo Ducale.

Papa Pio VI lo elesse direttore dell'Accademia Ligustica.

Fu valente copista (tra cui una copia del San Girolamo di Correggio eseguita a Parma) e scrittore di arte. Fu inoltre il corrispondente dell'abate Luigi Lanzi per il volume Storia Pittorica dell'Italia per quanto riguardava Genova e la Liguria.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Transito di santa Caterina di Genova, Santissima Annunziata di Portoria, Genova

Tra i testi ricordiamo:

  • Storia de' pittori scultori et architetti liguri e de' forestieri che in Genova operarono (1762)
  • L'istruzione di quanto può vedersi di bello in Genova (1766)
  • Descrizione delle due Riviere (1780)
  • Notizie storiche sul Correggio (1781)
  • Epilogo della vita del Mengs (1779)

Dipinti:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Scritti di Carlo Giuseppe Ratti
Contributi
  • De Boni, Biografia degli artisti, Venezia, 1840, ,.
  • F. R. Pesenti, La pittura a Genova e in Liguria dal Seicento al primo Novecento, Genova, 1971, ,.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74941532 · LCCN: (ENn85382414 · ISNI: (EN0000 0001 0655 0087 · BNF: (FRcb10555675t (data) · ULAN: (EN500007469