Campus Luigi Einaudi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campus Luigi Einaudi
Campus Universitario.JPG
Campus Luigi Einaudi
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàTorino
IndirizzoLungo Dora Siena 100 A
Coordinate45°04′26.08″N 7°41′58.77″E / 45.073912°N 7.699659°E45.073912; 7.699659
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2009-2012
Inaugurazione2012
UsoUniversità degli Studi di Torino
Realizzazione
ArchitettoNorman Foster

Il Campus Luigi Einaudi (CLE) è un campus universitario situato in Lungo Dora Siena 100/A, a Torino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Campus Luigi Einaudi con Mole Antonelliana sullo sfondo

L'edificio sede del campus, costruito su un'ex-area industriale dismessa, a breve distanza dal centro cittadino, è stato progettato dallo studio di Norman Foster ed è stato inaugurato nel 2012;[1][2][3][4][5][6] sorge attiguo alla palazzina Einaudi, anch'essa sede universitaria.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

È sede delle Scuole di scienze giuridiche, politiche ed economico-sociali con i seguenti dipartimenti:

  • Culture, politica e società
  • Economia e statistica
  • Giurisprudenza

Biblioteca Norberto Bobbio[modifica | modifica wikitesto]

Il campus comprende la "Biblioteca Norberto Bobbio", che raccoglie oltre 650.000 volumi, ed è specializzata in antropologia, economia, diritto e scienze politico sociali.[7]. Si estende su una superficie di circa diecimila metri quadrati e offre circa 800 posti a sedere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Università, ecco le sedi più belle del mondo, in La Stampa, 22 febbraio 2014. URL consultato il 3 giugno 2019.
  2. ^ Video di Alessandro Contaldo, Il drone alla scoperta del Campus Einaudi, tra i 10 edifici universitari più spettacolari del mondo, in la Repubblica, 31 gennaio 2018. URL consultato il 3 giugno 2019.
  3. ^ Cecilia Di Marzo, Inaugurato a Torino il Campus Luigi Einaudi firmato Foster, su archiportale.com, ArchiPortale. URL consultato il 3 giugno 2019.
  4. ^ Foster a Torino per il nuovo campus, in Domus. URL consultato il 3 giugno 2019.
  5. ^ (EN) “NeanderART 2018” – 22-26 August 2018 – International Conference under the aegis of UISPP and the auspices of IFRAO, su cesmap.it, Centro Studi e Museo d'Arte Preistorica (Prehistoric Studies Center and Museum of Prehistoric Art). URL consultato il 4 giugno 2019.
    «Designed by Norman Foster, one of the most important contemporary architects, it has been included among the 10 most spectacular university buildings in the world.».
  6. ^ (EN) Grade A Architecture: The World's Most Spectacular University Buildings, su archdaily.com, ArchDaily. URL consultato il 4 giugno 2019.
  7. ^ Università degli Studi di Torino, La Biblioteca, su bibliotecabobbio.unito.it. URL consultato il 1º giugno 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Daniela Schembri Volpe, 365 giornate indimenticabili da vivere a Torino: scopri ogni giorno la raffinata eleganza del capoluogo piemontese, Roma, Newton Compton, 2015, ISBN 978-88-541-8236-3, OCLC 1045996714.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315570049