Brutal Planet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brutal Planet
Artista Alice Cooper
Tipo album Studio
Pubblicazione 6 giugno 2000
Durata 48 min : 42 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Alternative metal
Industrial metal
Etichetta Spitfire Records
Produttore Alice Cooper
Registrazione 2000
Alice Cooper - cronologia
Album precedente
(1994)
Album successivo
(2001)

Brutal Planet è il ventunesimo album in studio di Alice Cooper. Viene pubblicato il 6 giugno 2000 per l'Etichetta discografica Spitfire Records.

Il Disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un album dalle sonorità molto dure e dalle tematiche molto delicate e attuali. Il titolo ("Pianeta Brutale" in italiano) riassume il contenuto del disco, che parla di violenze e atrocità che il nostro mondo ci riserva. "Take It Like A Woman", ad esempio, parla delle violenze domestiche perpetrate ai danni di persone indifese come donne e bambini mentre "Blow Me A Kiss" e "Wicked Young Man" sono ispirati al massacro della Columbine High School, in cui due studenti ammazzarono alcuni compagni ferendone altri. Il successivo Dragontown continua le tematiche trattate da Cooper in questo disco. Il brano "Cold Machines" è stato inserito nella colonna sonora del film Return of the Living Dead: Necropolis.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Brutal Planet – 4:40
  2. Wicked Young Man – 3:50
  3. Sanctuary – 4:00
  4. Blow Me a Kiss – 3:18
  5. Eat Some More – 4:36
  6. Pick Up the Bones – 5:14
  7. Pessi-Mystic – 4:56
  8. Gimme – 4:46
  9. It's the Little Things – 4:11
  10. Take It Like a Woman – 4:12
  11. Cold Machines – 4:14

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri Membri[modifica | modifica wikitesto]

  • Natalie Delaney - Cori
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal