Hey Stoopid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hey Stoopid
Artista Alice Cooper
Tipo album Studio
Pubblicazione 2 luglio 1991
Durata 56:11
Dischi 1
Tracce 12
Genere Pop metal
Hair metal
Hard rock
Heavy metal
Etichetta Epic
Produttore Peter Collins
Registrazione 1991 – Bearsville Studios, New York
Formati CD, LP, MC
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oro Svezia Svezia[2]
(vendite: 50 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platino Canada Canada[4]
(vendite: 100 000+)
Alice Cooper - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1994)
Singoli
  1. Hey Stoopid
    Pubblicato: giugno 1991
  2. Love's a Loaded Gun
    Pubblicato: ottobre 1991
  3. Feed My Frankenstein
    Pubblicato: giugno 1992
  4. Burning Our Bed
    Pubblicato: 1992
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[5] 3/5 stelle

Hey Stoopid è il diciannovesimo album in studio del cantante statunitense Alice Cooper, pubblicato il 2 luglio 1991 dalla Epic Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album si avvale della collaborazione di ospiti speciali quali Slash (ai tempi ancora chitarrista dei Guns N' Roses), Ozzy Osbourne, Vinnie Moore, Joe Satriani, Steve Vai, Nikki Sixx e Mick Mars (entrambi dei Mötley Crüe). È l'ultimo disco di Cooper in cui suona il bassista Hugh McDonald, prima del suo ingresso nei Bon Jovi come membro non ufficiale nel 1995.

Nonostante abbia venduto meno rispetto al precedente Trash, l'album è comunque riuscito a ottenere un buon successo, soprattutto all'interno del mercato europeo.

Il singolo Feed My Frankenstein è uno dei pochi brani che vede la partecipazione contemporanea dei chitarristi Steve Vai e Joe Satriani, accompagnati da Nikki Sixx al basso.

La traccia conclusiva del disco, Wind-Up Toy, segna la prima apparizione certa del personaggio immaginario chiamato Steven (protagonista della storia narrata in Welcome to My Nightmare) dopo più di 15 anni. Le sue vicende saranno interamente riprese nell'album successivo, The Last Temptation nel 1994.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Hey Stoopid – 4:34 (Alice Cooper, Vic Pepe, Jack Ponti, Bob Pfeifer)
  2. Love's a Loaded Gun – 4:11 (Cooper, Pepe, Ponti)
  3. Snakebite – 4:33 (Cooper, Pepe, Ponti, Pfeifer, Lance Bulen, Kelly Keeling)
  4. Burning Our Bed – 4:34 (Cooper, Al Pitrelli, Pfeifer, Steve West)
  5. Dangerous Tonight – 4:41 (Cooper, Desmond Child)
  6. Might as Well Be on Mars – 7:09 (Cooper, Dick Wagner, Child)
  7. Feed My Frankenstein – 4:44 (Cooper, Zodiac Mindwarp, Ian Richardson, Nick Coler)
  8. Hurricane Years – 3:58 (Cooper, Pepe, Ponti, Pfeifer)
  9. Little by Little – 4:34 (Cooper, Pepe, Ponti, Pfeifer)
  10. Die for You – 4:16 (Cooper, Mick Mars, Nikki Sixx, Jim Vallance)
  11. Dirty Dreams – 3:29 (Cooper, Pfeifer, Vallance)
  12. Wind-Up Toy – 5:28 (Cooper, Pepe, Ponti, Pfeifer)
Traccia bonus dell'edizione giapponese
  1. It Rained All Night – 3:54 (Cooper, Child)
Tracce bonus della versione rimasterizzata del 2013
  1. Hey Stoopid (Beba Edit) – 3:58 (Cooper, Pepe, Ponti, Pfeifer)
  2. Fire – 3:04 (Jimi Hendrix)
  3. It Rained All Night – 3:54 (Cooper, Child)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1991) Posizione
massima
Australia[6] 15
Austria[7] 5
Canada[8] 23
Finlandia[9] 3
Germania[10] 7
Giappone[11] 35
Norvegia[12] 6
Nuova Zelanda[13] 22
Paesi Bassi[14] 54
Regno Unito[15] 4
Stati Uniti[16] 47
Svezia[17] 9
Svizzera[18] 7
Ungheria[19] 27

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 9 luglio 2015. Digitare "Alice Cooper" in "Keywords", dunque premere "Search".
  2. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry, p. 7. URL consultato il 9 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  3. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 9 luglio 2015.
  4. ^ (EN) Gold/Platinum Database, Music Canada. URL consultato il 9 luglio 2015.
  5. ^ (EN) Alex Henderson, Hey Stoopid, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 26 marzo 2015.
  6. ^ (EN) Australian Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, su australiancharts.com.
  7. ^ (DE) Austrian Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, su austriancharts.at.
  8. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 54, No. 10, August 10 1991, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 26 marzo 2015.
  9. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  10. ^ (DE) German Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, su offiziellecharts.de.
  11. ^ (JA) Japan Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, Oricon Style. URL consultato il 26 marzo 2015.
  12. ^ (EN) Norwegian Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, su norwegiancharts.com.
  13. ^ (EN) New Zealand – Alice Cooper – Hey Stoopid, su charts.org.nz.
  14. ^ (NL) Dutch Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, su dutchcharts.nl.
  15. ^ (EN) Chart Archive – Alice Cooper – Hey Stoopid, Chart Stats.
  16. ^ (EN) Alice Cooper – Chart History, Billboard. URL consultato il 26 marzo 2015.
  17. ^ (EN) Swedish Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, swedischcharts.com.
  18. ^ (DE) Swiss Charts – Alice Cooper – Hey Stoopid, su hitparade.ch.
  19. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, 10 novembre 1991. URL consultato il 26 marzo 2015.