Boris Porena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Boris Porena (Roma, 27 settembre 1927) è un saggista, compositore e didatta italiano. Sposato con Paola Bučan, nota violoncellista e didatta croata (insegnante al Conservatorio di Perugia).

Biografia e attività[modifica | modifica wikitesto]

È stato allievo di Goffredo Petrassi - con compagni di studio come Ennio Morricone, Aldo Clementi, Sergio Cafaro - e, anche se inizialmente influenzato dalla poetica del neoclassicismo, si è rifatto successivamente al linguaggio armonico del tardo rinascimento, che ha utilizzato per costruire la propria originale ricerca musicale.

Dopo vari riconoscimenti nazionali e internazionali, a partire del 1968, come conseguenza del suo percorso di pensiero e di impegno sociale, rinuncia durante due decenni all'attività compositiva, e fonda il Centro Metaculturale. A partire del 1988 riprende la composizione.

Nel campo della critica ha prodotto alcuni saggi rilevanti sul suo maestro, Goffredo Petrassi. Ha scritto diversi testi sulla musica, tra i quali è di particolare rilievo "Musica e società" (Einaudi, 1975).

La sua opera scritta copre molti campi (ha anche scritto opere poetiche in tedesco), particolarmente la pedagogia e la didattica di base, ma anche la riflessione filosofica come in "Ipotesi Metaculturale: una ipotesi per la sopravvivenza" (1999)[1], l'entomologia e la coleotterologia.

Ha operato come insegnante di nuova didattica della composizione al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ed è stato direttore del Centro di ricerca e sperimentazione culturale Musica in Sabina. Tra i suoi numerosi allievi si ricordano Jesús Villa-Rojo, Luca Lombardi, Claudio Prieto, James Clifford Brown, Alessandro De Rosa, Giuliano d'Angiolini, James Demby, Derek Healey, Jorge Peixinho, Oliver Wehlmann, Massimo Fornetti, Monica Conversano, Emanuele Pappalardo, Salvatore di Gesualdo.

Alcuni scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Kinder-Musik (1973)
  • Inquisizioni musicali (1974)
  • Musica/Società. Inquisizioni musicali II (1975)
  • La musica nella scuola dell'obbligo (5 volumi) (1975-1978)
  • Musica Prima. La composizione musicale: uno strumento della pratica culturale di base nella scuola e nel territorio (1979)
  • Il lago delle storie riflesse (1984)
  • Nuova Didattica della Musica (revisione e commento tecnico di Paola Bučan) (1988)
    • N.1 Per Pianoforte - Un itinerario per i primi 3 anni di studio
    • N.2 Per la Composizione - Questioni Grammaticali e Sintattiche
    • N.3 Musica da... fare, ascoltare, conoscere, discutere. Per la scuola media ed oltre
    • N.4 Per Violoncello - Un itinerario verso l'attività professionale
  • Ipotesi Metaculturale: un'ipotesi per la composizione delle diversità ossia per la sopravvivenza (1999)
  • Del comporre. Riflessioni metaculturali a uso di professionisti e amatori di musica (1998)
  • Dal sapere al pensare. Per una scuola di base effettivamente rinnovata (2003)
  • Indagini metaculturali(2017), pubblicazione che raccoglie tutti gli scritti di Boris Porena, a cura di Fernando Sanchez Amillategui, Dario Peluso, Oliver Wehlmann, Lulu.com.

Bibliografia critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio De Martino, L'utopia possibile. Vita, Musica e filosofia di Boris Porena, Zecchini Editore, Varese 2004, pp. 364 con illustrazioni.
  • Silvio Paolini Merlo, La musica di Boris Porena: una pedagogia dell'esistenza, in "Hortus Musicus", VI, 23, 2005, poi apparso rielaborato in Id., Estetica esistenziale. Ricerche sulla filosofia della musica e delle arti sceniche, Mimesis, Milano 2010, pp. 90-100.

Produzione musicale[modifica | modifica wikitesto]

La sua produzione musicale è stata catalogata da Patrizia Conti (vedere L'Utopia possibile). Ricordiamo:

  • Sonatina “Vive la France!” (pianoforte) (1951)
  • Tre pezzi sacri. Testo liturgico (1. Kyrie 2. Sanctus 3. Agnus Dei) (1954)
  • Vier klassische Lieder (soprano, pianoforte) 1. Die Zerstörung Magdeburgs, 2. St. NepomuksVorabend, 3. Schneider-Courage, 4. Die wandelnde Glocke (1956)
  • Der Gott und die Bayadere (baritono, soprano, coro, due flauti, due oboe, due clarinetti, due fagotti, quattro trombe, archi) (1957)
  • Vier kanonische Lieder (soprano, clarinetto) 1. Fernen 2. Auge der Zeit 3. Ich weiss 4. Der uns die Stunden zählte (1958)
  • Drei Lieder (basso, 3 tromboni – o 3 violoncelli) 1. Im Osten 2. Klage 3. Der Schlaf (all'origine di tanti altri Trakl-Lieder) (1959-1960)
  • Eine Gryphius-Kantate (Cantata barocca) (1961)
  • Musica per orchestra N.1, (tre flauti, tre oboi, tre clarinetti, due fagotti, tre corni, tre trombe, tre tromboni, percussione, archi) (1963)
  • Über aller dieser deiner Trauer. Passio judaica (1965)
  • Sei Ländler (in memoria de Serapione) – Inquisizioni musicali (pianoforte) (1970)
  • Suite N. 1 Benjamín Britten (violoncello solo) Prima (1981)
  • Sonata quasi una parodia (Beethoven opus 109) (pianoforte) (1987)
  • Traumwirrnis (Schumann) (pianoforte) (1987)
  • Claude … déchiré (Debussy) (pianoforte) (1987)
  • Trio N. 1 Felix (violino, violoncello, pianoforte) (1987)
  • Vivaldi (quattro violini concertanti, archi) (1988)
  • Satura per Bruno (flauto, clarinetto, violino, violoncello, pianoforte) (1991)
  • Del più e del meno (seconda versione) Dialogo per violoncello solo (1992)
  • Wir. Azione scenica in tre atti e un intermezzo (1993-1995)
  • Euphorion. Szene für einen Goetheabend (1997)
  • Bauhaus-Symphonie (Sinfonia N. 4), 1. Punkte, Linien, Flächen, Farben, 2. Linie, auf Abenteuer aus, 3. Gebrauchssinfonietta, 4. Räume (1997)
  • Otto preludi per violoncello solo (1999)
  • Eine weltliche Passion. Passio mundana (2000)
  • Quartetto N. 4 (1. Figurale monodico, 2. Afigurale I, 3. Figurale armonico (corale variato), 4. Afigurale II, 5. Figurale contrappuntistico (Fuga prima), 6. Afigurale III (Fuga seconda)) (2000)
  • Suite 2000 (Suite de suites) (2000)
    • I serie - Preludio Menuetto Sarabanda Gavotta Bourrée Pavana Giga
    • II serie - Valzer Polka Tango Samba Ragtime Rock I Rock II Passacaglia
    • III serie - Estampida Girotondo Canzone a Ballo Ritmo indiano Danza dell'anitra Danza rituale Tarantella

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Wolgang Osthoff, Maschera e musica, in Rivista Musicale Italiana 1(1967). Traduzione di B. Porena.

Adolf Portmann, Le forme viventi. Nuove prospettive della biologia, Adelphi, Milano 1969 (2ª ed. 1989). Traduzione di B. Porena.

Hermann Abert, Mozart. I. La giovinezza(1756-1782); II. La maturità (1783-1791), Il Saggiatore, Milano 1994-95 (2ª ed. 2000). Traduzione di B. Porena e I. Cappelli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La preoccupazione di Boris Porena per i problemi di natura globale che investono la società contemporanea lo ha portato, insieme al Centro Metaculturale, a formulare l'Ipotesi Metaculturale IMC (cerca anche la recensione nel sito EUE.it Archiviato il 7 maggio 2006 in Internet Archive.). Questa Ipotesi Metaculturale ha conosciuto diverse formulazioni. Ad esempio: a) (Formulazione 1) "Ogni nostro atto o pensiero, se non altro in quanto possibile oggetto di comunicazione, ha in sé una componente culturale che va relativizzata alla cultura che l'ha prodotta". Ma anche: b) (Formulazione 2) "IMC coincide con la sospensione del principio di non contraddizione." E pure in un terzo modo: c) (Formulazione 3) "Data una qualsiasi proposizione p, è sempre possibile trovare o costruire un universo culturale locale UCLp che la renda ‘vera'". [senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10271951 · ISNI (EN0000 0003 8511 6952 · LCCN (ENn82219016 · BNF (FRcb13977878d (data)