Bernhard Vogel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bernhard Vogel
Bundesarchiv B 145 Bild-F077931-0004, Bernhard Vogel.jpg
Bernhard Vogel nel 1988

Ministro presidente della Turingia
Durata mandato 5 febbraio 1992 –
5 giugno 2003
Predecessore Josef Duchač
Successore Dieter Althaus

Ministro presidente della Renania-Palatinato
Durata mandato 2 dicembre 1976 –
7 dicembre 1988
Predecessore Helmut Kohl
Successore Carl-Ludwig Wagner

Ministro dell'istruzione della Renania-Palatinato
Durata mandato 18 maggio 1967 –
2 dicembre 1976
Presidente Bernhard Vogel
Helmut Kohl
Predecessore Eduard Orth
Successore Hanna-Renate Laurien

Dati generali
Partito politico Unione Cristiano-Democratica
Titolo di studio Assistente scientifico
Università Università Ruprecht Karl di Heidelberg
Università Ludwig Maximilian di Monaco
Professione Professore a contratto
Bernhard Vogel nel 2015

Bernhard Vogel (Gottinga, 19 dicembre 1932) è un politico tedesco, esponente dell'Unione Cristiano-Democratica (CDU).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953 superò l'esame di fine studi a Monaco. Negli anni 1953-1960 studiò scienze politiche, storia, sociologia ed economia all'Università Ruprecht Karl di Heidelberg e all'Università Ludwig Maximilian di Monaco. Nel 1960-1967 fu professore accademico all'Università di Heidelberg.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

È stato coinvolto in attività politiche all'interno dell'Unione Cristiano-Democratica. Nel 1963-1965 fu consigliere comunale a Heidelberg, poi fino al 1967 membro del Bundestag. Dal 1967 al 1976 è stato ministro dell'istruzione e della cultura nel governo della Renania-Palatinato. Dal 1971 al 1988 ha fatto parte del Landtag della Renania-Palatinato e dal 1974 ha gestito contemporaneamente le strutture della CDU in quel Land. Negli anni 1972-1976 fu presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi. Nel dicembre 1976 ha sostituito Helmut Kohl come Ministro presidente della Renania-Palatinato. Ha ricoperto questo incarico per 12 anni fino al dicembre 1988. È stato presidente del Bundesrat per due mandati (1976-1977 e 1987-1988). Dal 1975 al 2006 è stato membro del consiglio federale della CDU.

Dopo la riunificazione della Germania, continuò l'attività politica in Turingia. È stato ministro presidente dello stato federale (dal febbraio 1992 al giugno 2003), membro del Landtag della Turingia (1994-2004) e presidente della CDU locale (1993–2000). Per due volte (1989-1995 e 2001-2009) è stato il presidente della Konrad-Adenauer-Stiftung, dopo di che è diventato presidente onorario di questa istituzione.[1]

Famiglia e Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È Fratello del politico socialdemocratico Hans-Jochen Vogel.

Attività dopo la politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Vogel è stato insignito del Mercator Visiting Professorship for Political Management presso la NRW School of Governance dell'Università di Duisburg-Essen.[2] Ha tenuto seminari e conferenze all'università.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Günter Beaugrand: Die Konrad-Adenauer-Stiftung. Eine Chronik in Berichten und Interviews mit Zeitzeugen, S. 281 f., ISBN 3-927535-15-X
  2. ^ (DE) thueringer-allgemeine.de: Thüringens Ex-Ministerpräsident lehrt an der Uni Duisburg-Essen, 29 agosto 2012
  3. ^ (DE) - Wie Politik die Zukunft gestaltet, in Deutschlandfunk. URL consultato il 18 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro presidente della Turingia Successore Flag of Thuringia.svg
Josef Duchač 5 febbraio 1992 - 5 giugno 2003 Dieter Althaus
Predecessore Ministro presidente della Renania-Palatinato Successore Flag of Rhineland-Palatinate.svg
Helmut Kohl 2 dicembre 1976 - 7 dicembre 1988 Carl-Ludwig Wagner
Predecessore Ministro dell'istruzione della Renania-Palatinato Successore Flag of Rhineland-Palatinate.svg
Eduard Orth 18 maggio 1967 - 2 dicembre 1976 Hanna-Renate Laurien
Controllo di autoritàVIAF (EN102305941 · ISNI (EN0000 0001 0929 471X · LCCN (ENn50014489 · GND (DE119078627 · BNF (FRcb121860581 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50014489