Begoniaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Begoniaceae
Begonia1.jpg
Begonia aconitifolia
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Eurosidi I
Ordine Cucurbitales
Famiglia Begoniaceae
C.Agardh, 1824
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Violales
Famiglia Begoniaceae
Generi

Begoniaceae C.Agardh, 1824[1] è una famiglia appartenente all'ordine Cucurbitales.[2]

Comprendente oltre 1.500 specie di piante floreali succulente presenti nelle aree subtropicali e tropicali sia del Nuovo Mondo sia del Vecchio Mondo. A parte una, tutte le specie fanno parte del genere Begonia. L'unico altro genere della famiglia, Hillebrandia, è endemico delle isole Hawaii e comprende un'unica specie. La ricerca filogenetica supporta la classificazione separata del genere Hillebrandia dal resto della famiglia. Grazie a recenti studi di filogenesi molecolare, il genere Symbegonia è stato recentemente incluso nel genere Begonia come sottogenere, essendo derivato da questo.

I membri del genere Begonia sono piante ben note e popolari piante d'appartamento.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sono piante per lo più erbacee, oppure possono essere in forma di cespuglio o di liane; sono principalmente piante succulente perenni[3].

Le foglie possono presentarsi alla base aggregate o non aggregate; le foglie si autosostengono o si arrampicano; sviluppano radici rampicanti[3]. Le foglie, mesofite, sono di taglia da piccola a media, alternate, con disposizione a spirale o distica, piatte, erbacee o carnose[3]. Si presentano petiolate e prive di guaina. Sono solitamente semplici, meno frequentemente composte e, quando composte, sono palmate[3].

Si riproducono per impollinazione. I fiori fertili si dividono in base alla funzione in maschio e femmina. Le piante sono monoecie: i primi assi dell'infiorescenza terminano solitamente con fiori maschili, gli ultimi e, talvolta, i penultimi terminano con fiori femminili[3]. Nei fiori femminili, che possono avere o non avere gli staminodi, l'androceo è molto piccolo o assente. Nei fiori maschili il gineceo è assente[3]. Inoltre, i fiori maschili hanno tue petali e due sepali simili ai petali, oltre a numerosi stami[4].

I fiori sono aggregati in infiorescenze disposte sulle cime. I fiori sono di taglia medio-piccola, alquanto o molto irregolari[3]. L'irregolarità del fiore può interessare il perianzio, l'androceo o entrambi[3].

Il polline è aperturato: tri-colporato a 2 celle[3].

Il frutto è per lo più non carnoso, deiscente, a capsula più o meno alata, oppure a bacca; le capsule sono solitamente loculicidali[3]. In ogni frutto vi sono 25–100 piccoli semi non endospermici. L'embrione è di solito debolmente differenziato, lineare e contiene 2 cotiledoni[3]. La germinazione è fanerocotilare[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Begoniaceae sono piante diffuse nelle aree tropicali e subtropicali. In particolare nelle aree a clima umido. Non sono presenti in Australia[5]. Pantropicali, concentrate in America. In Cina, è presente solo il genere Begonia, con 173 specie, di cui 141 endemiche[4].

Il genere Hillebrandia è endemico delle Isole Hawaii[6].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia delle Begoniaceae comprende i seguenti generi:[7]

Il sistema Cronquist classificava questa famiglia all'interno dell'ordine Violales Perleb, 1826.[8][9]

Impieghi e utilizzi economici[modifica | modifica wikitesto]

Oltre 130 specie di Begonia sono coltivate e commercialmente disponibili come piante ornamentali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C.A. Agardh, Aphorismi Botanici, 200 (13 giugno 1824).
  2. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, n. 1, 2016, pp. 1–20.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Begoniaceae su DELTA
  4. ^ a b Ku Tsuechih, Begoniaceae, in: Ku Tsuechih, ed., Fl. Reipubl. Popularis Sin. 52(1) [1999]: 126-269.
  5. ^ Begoniaceae in Flora of Pakistan
  6. ^ Begoniaceae su Enciclopedia Britannica
  7. ^ (EN) Begoniaceae C.Agardh, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 6 gennaio 2021.
  8. ^ (EN) Cronquist A., The evolution and classification of flowering plants, Bronx, NY, New York Botanical Garden, 1988.
  9. ^ D.J. Mabberley, The Plant-Book, II ed., Cambridge University Press, Cambridge (2000), 858 pagg.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica