Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Battaglia di Cialdiran

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Cialdiran
Chaldiran Battlefield Site in 2004.JPG
Il mausoleo del campo di battaglia di Cialdiran
Data 23 agosto 1514
Luogo Chaldoran, Azerbaigian iraniano
Esito Vittoria ottomana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
60.000[1]-212.000[2],
armi da fuoco ed artiglieria[3]
12.000[2]-40.000[3]
Perdite
Meno di 2.000 Circa 5.000
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Čāldırān (anche, in persiano, Chaldoran o, in turco, Çaldıran) ebbe luogo il 23 agosto 1514 e terminò con la decisiva vittoria dell'Impero ottomano ai danni dei Safavidi. Come risultato, gli Ottomani assunsero il controllo della metà orientale dell'Anatolia.

Gli Ottomani avevano un esercito più numeroso e meglio equipaggiato, che superava la cifra di 100.000 combattenti, mentre i Persiani misero in campo un esercito i cui effettivi sono calcolati fra i 50.000 e gli 80.000. Lo shāh safavide Shāh Ismāʿīl I fu ferito e quasi preso prigioniero nello scontro. Nonostante la sconfitta, i Persiani riuscirono comunque ad arrestare l'espansionismo ottomano nei loro confronti. La battaglia mise fine anche a una serie di rivolte Alevi in Anatolia.

La battaglia di Cialdiran dimostrò che le armi da fuoco costituivano un fattore decisivo nella condotta bellica. Prima di Cialdiran, l'esercito safavide (Qizilbash) aveva rifiutato di usare le armi da fuoco (al pari dei Mamelucchi in Egitto e Siria e di vari soldati nell'Occidente cristiano, come ricorda anche Ludovico Ariosto nell'Orlando furioso[4]) in quanto esso riteneva l'uso delle armi da fuoco un modo di combattere vile e senza onore, dal momento che evitava il contatto corpo a corpo.

L'esito della battaglia ebbe varie conseguenze. Forse la più significativa fu la fissazione di un confine tra i due Imperi, che è rimasto invariato fino ai nostri giorni, tra Turchia e Iran. Pur avendo vinto la battaglia, gli Ottomani preferirono rinunciare alla conquista della Persia ed indirizzarono la loro espansione verso l'Arabia e l'Egitto. Con l'instaurazione di questo confine, Tabriz (città azera, quindi di cultura turca ma fino ad allora capitale persiana) divenne una città frontaliera, fastidiosamente chiusa al nemico ottomano. Questa considerazione potrebbe essere stato un fattore determinante per indurre il trasferimento della capitale safavide a Qazvin (in arabo Qazwīn), a metà del XVI secolo, e infine a Iṣfahān, nella Persia centrale, nel 1598. La sconfitta di Cialdiran e la conquista ottomana dell'Egitto degli anni successivi misero anche fine ai tentativi degli ambasciatori della Repubblica di Venezia di allearsi ai Persiani per combattere assieme i comuni nemici turchi[5].

I Safavidi effettuarono drastici cambiamenti negli affari interni dopo la disfatta di Cialdiran. I Safavidi parlavano una lingua turca[6][7][8] ma, in seguito alla perdita dei loro territori anatolici che formavano la zona centrale del loro sostegno turco, cominciarono a imporre l'uso del Persiano. Anche la famiglia reale safavide si allontanò dall'estremistica, escatologica setta Alevi e abbracciò la Shīʿa duodecimana come religione ufficiale dell'Impero, essendo diventata la posizione dello Shāh, visto come Mahdi, incompatibile con la recente disfatta. La maggioranza sunnita dell'Iran fu costretta con la forza a convertirsi al modello sciita imamita dell'Islam, mentre coloro che rifiutarono tale imposizione dello Shāh (ad esempio la maggioranza dei Qizilbash) furono mandati a morte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Keegan & Wheatcroft, Who's Who in Military History, Routledge, 1996, p. 268: "In 1515 Selim marched east with some 60,000 men; a proportion of these were skilled Janissaries, certainly the best infantry in Asia, and the sipahis, equally well-trained and disciplined cavalry. [...] The Azerbaijanian army, under Shah Ismail, was almost entirely composed of Turcoman tribal levies, a courageous but ill-disciplined cavalry army. Slightly inferior in numbers to the Turks, their charges broke against the Janissaries, who had taken up fixed positions behind rudimentary field works."
  2. ^ a b Ghulam Sarwar, "History of Shah Isma'il Safawi", AMS, New York, 1975, p. 79
  3. ^ a b Roger M. Savory, Iran under the Safavids, Cambridge, 1980, p. 41
  4. ^ Rendi, miser soldato, alla fucina / pur tutte l'arme c'hai, fin alla spada; / e in spalla un schioppo o un archibugio prendi; / che senza, io so, non toccherai stipendi. / Come trovasti, o scelerata e brutta / invenzïon, mai loco in uman core? / Per te la militar gloria è distrutta / per te il mestier de l'arme è senza onore / per te è il valor e la virtù redutta. (Orlando Furioso, XI, 25-26).
  5. ^ Guglielmo Berchet, "La Repubblica di Venezia e la Persia", Padova 1864
  6. ^ The Columbia Encyclopedia, Sixth Edition. Safavid.
  7. ^ Bernard Lewis, The Middle East, 2000 Years of History, Phoenix, 2000, p. 114
  8. ^ David Morgan, Medieval Persia 1040-1797, Londra, Longman, 1988 p. 111

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]