Baroness

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Baroness (disambigua).
Baroness
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereSludge metal
Alternative metal
Progressive metal
Heavy metal
Periodo di attività musicale2003 – in attività
EtichettaRelapse Records
Hyperrealist Records
At a Loss Recordings
Album pubblicati4
Studio4 + 3 Ep
Raccolte1
Sito ufficiale

I Baroness sono un gruppo musicale sludge/heavy metal statunitense formatosi nel 2003 a Savannah, Georgia, i membri sono cresciuti assieme a Lexington, Virginia.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

2003-2007[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nacque dalle ceneri del gruppo punk metal Johnny Welfare and The Paychecks. Dal 2004 al 2007 i Baroness pubblicarono due EP intitolati First, Second e uno split album con gli Unpersons chiamato A Grey Sigh in a Flower Husk (conosciuto anche come Third).

Il 4 marzo 2007 iniziarono le registrazioni del loro primo album dal titolo Red Album, pubblicato il 4 settembre successivo. Il disco ricevette molte critiche positive, tanto da essere eletto "Disco dell'anno" dalla rivista heavy metal Revolver.[2] Il 1º dicembre del 2007 si esibirono al Bowery Ballroom di New York, il concerto fu registrato interamente e può essere visto sulla loro pagina WoozyFly.[3] Il 20 settembre 2008 la band annunciò tramite il suo MySpace l'abbandono del chitarrista Brian Blickle e l'arrivo, come nuovo chitarrista, di Peter Adams, proveniente dalla band Valkyrie.

Tra il 2007 e il 2009 si imbarcarono in diversi tour, dividendo il palco con molte band diverse, come: Converge, Red Chord, High on Fire, Opeth, Coheed and Cambria, Coliseum, Minsk, Clutch e molte altre.

2009-2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 maggio 2009 la band ha cominciato le registrazioni del secondo album presso i The Track Studio a Plano, Texas, che verrà pubblicato il 13 ottobre dello stesso anno con il titolo Blue Records.

Tra febbraio e marzo 2010 hanno suonato all'Australian Soundwave Festival assieme a band come Clutch, Isis, Meshuggah, Jane's Addiction e Faith No More, e in Giappone con gli Isis.

Hanno poi fatto da spalla ai Mastodon nel loro tour americano in aprile e maggio e tra agosto e settembre hanno aperto le date del tour dei Deftones. Ad ottobre e novembre sono stati uno dei gruppi spalla dei Metallica nelle tappe australiane e neozelandesi del World Magnetic Tour.[4]

Il 15 agosto 2012, durante una tournée nel Regno Unito, il gruppo rimane vittima di un grave incidente stradale in prossimità di Bath. Il loro bus cade da un viadotto per 9 metri, a causa della forte pioggia e della visibilità ridotta. A seguito dell’incidente il chitarrista e cantante John Baizley si frattura il braccio e la gamba sinistra, il batterista Allen Blickle e il bassista Matt Maggioni si procurano fratture vertebrali, mentre il chitarrista Peter Adams viene dimesso dall’ospedale il giorno successivo all’incidente.[5]

L’episodio ha importanti conseguenze fisiche e psicologiche all’interno della band che sfociano nel marzo 2013 nell’abbandono del gruppo da parte del batterista Blickle e del bassista Maggioni, successivamente sostituiti rispettivamente da Sebastian Thomson e Nick Jost.[6]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il cantante John Baizley è anche illustratore delle copertine degli album della band, e ha fatto diverse copertine per altre band ed etichette come Kvelertak, Darkest Hour, The Red Chord, Vitamin X, Sounds of the Underground tour, Kylesa, Daughters, Torche, Pig Destroyer, e lo split Magrudergrind/Shitstorm della Robotic Empire.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Tim Loose – chitarra (2003-2005)
  • Summer Welch - basso (2003-2012)
  • Brian Blickle – chitarra (2006-2008)
  • Matt Maggioni - basso (2012-2013)
  • Allen Blickle - batteria (2003-2013)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Ep[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Interview with Baroness bassist Summer Welch Archiviato il 9 luglio 2011 in Internet Archive.
  2. ^ (EN) Reviews, in Revolver, novembre 2007.
  3. ^ Baroness at Woozyfly[collegamento interrotto]
  4. ^ Metallica.com, World Magnetic Tour - 2010 Schedule, su metallica.com. URL consultato il 30 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2011).
  5. ^ BARONESS: grave incidente in bus per la band! - Metallized.it, su metallized.it. URL consultato il 16 agosto 2016.
  6. ^ BARONESS: fuori bassista e batterista, su metalitalia.com. URL consultato il 16 agosto 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni della Cioppa (a cura di), HM. Il grande libro dell'heavy metal, Giunti, 2010, ISBN 978-88-09-74962-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN263305757
Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal