Bandiera dell'Ecuador

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandera de Ecuador
Bandera de Ecuador
Soprannome La Tricolor
Proporzioni 2:3
Simbolo FIAV Simbolo vessillologico
Colori RGB

██ (R:255 G:221 B:0)

██ (R:3 G:78 B:162)

██ (R:237 G:28 B:36)

Uso Bandiera di stato
Adozione 26 settembre 1860
Navale bandiera navale
Bompresso bandiera di bompresso
Presidenziale bandiera presidenziale
Governativa bandiera governativa
Civile bandiera civile
Fotografia
Flag photo ecuador.jpg
Una bandiera ecuadoriana esposta al Palacio de Gobierno di Quito.

La bandiera dell'Ecuador è stata adottata il 26 settembre 1860 (ma ufficialmente il 10 gennaio 1861).

In quanto derivata dallo storico tricolore colombiano blu, giallo e rosso, è simile alla bandiera del Venezuela, ma più ancora a quella della Colombia, dalla quale differisce per le sole proporzioni.

Il significato dei colori è il seguente[1]:

  •    Giallo: rappresenta l'abbondanza e la fertilità delle terre.
  •    Blu: rappresenta i colori del mare e del cielo.
  •    Rosso: rappresenta il sangue versato dai soldati e martiri durante la guerra di indipendenza.

La legge 5 dicembre 1900 (Registro Oficial n. 1272) dispone che l'insegna civile e l'insegna di stato differiscano per lo stemma, previsto solo nella seconda. Di fatto però la bandiera di stato viene spesso usata come bandiera civile. L'insegna di guerra è identica a quella di stato salvo avere una proporzione di 2:3 anziché di 1:2. È infine prevista (ma solo sulla carta) una bandiera speciale, riservata agli edifici municipali: essa è uguale alla bandiera civile ma aggiunge un anello di 19 stelle bianche (una per provincia) alla banda blu centrale.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Bandera del Ecuador
  2. ^ Origine della bandiera ecuadoriana

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia